"Le attività imprenditoriali solo una copertura, il vero business era la droga"

Maxi-operazione di Procura e Carabinieri: in nove mesi 30 arresti in flagranza per spaccio, tra il 4 e il 5 novembre 100 militari in azione per sequestri e perquisizioni. Per la procura, le attività imprenditoriali dei Sallaku erano una copertura per coprire il traffico di stupefacenti

Gezim Sallaku

Trenta arresti in flagranza, e in meno di nove mesi: poi il sequestro penale di 60 chili di marijuana, 51,2 kg di hashish, 12,5 kg di eroina, 2 kg di cocaina, 337 grammi di oppio, 200 milligrammi di Mdma, 14 fiale di morfina. E pure tre pistole, nascoste in una valigia all'interno di un'intercapedine di una maxi-villa sul lago d'Iseo: sono questi i numeri dell'operazione “Reticolo”, coordinata dalla Direzione antimafia della Procura di Brescia ed eseguita dai carabinieri dei comandi provinciali di Brescia e Bergamo, con più di 100 uomini in azione tra il 4 e il 5 novembre, per blitz, sequestri e arresti.

 Scarcerato il presidente del Darfo Calcio: "Con la droga non ho nulla a che fare"

Volti noti dell'imprenditoria locale nelle rete delle forze dell'ordine: in particolare, sono stati arrestati i quattro fratelli Sallaku ancora in libertà (il quinto, Saimir, era già in carcere per spaccio di droga, nell'ambito di un'altra operazione legata comunque a “Reticolo”) trovati proprio in possesso delle pistole, tra cui una russa e una tedesca. Manette per Gezim Sallaku, titolare dell'hotel Villa Kinzika di Sale Marasino e del ristorante La Ruota Blu di Piancamuno, solo per citarne alcuni, nonché presidente del Darfo Calcio, e insieme a lui i fratelli Gazmir, Isuf e Taulant.

Gli arresti

Per la Procura della Repubblica tutte le attività commerciali e imprenditoriali dei Sallaku erano soltanto una copertura del loro business principale, legato appunto allo spaccio di droga. Poco meno di un mese fa erano stati arrestati, oltre a Saimir Sallaku, anche il 71enne Alessandro Giorgi, in pensione ma addetto alla guida delle ambulanze, e il 37enne Claudio Vangelisti, operaio di Esine: insieme a loro in manette anche tre albanesi residenti a Osio Sotto, e tra i “gestori” di quella che è stata considerata una raffineria di droga (oppio ed eroina) a tutti gli effetti.

Nelle ultime ore sono stati eseguiti 22 decreti di arresto ritardato, emessi nei confronti di sette soggetti (quattro italiani e tre albanesi) tutti considerati responsabili dei reati di traffico, produzione e spaccio di droga. Tra questi, oltre ai citati, anche il 36enne Stefano Martinelli, operaio di Ranzanico, e il 31enne Mirand Shehi, albanese ma residente a Langhirano in provincia di Parma.

“L'operazione – fa sapere il Comando provinciale dei carabinieri in una nota – ha consentito di disarticolare e assicurare alla giustizia i componenti di un sodalizio criminale ben organizzato e strutturato, dedicato al traffico ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti, che dalla Bergamasca e dalle province di Parma e Brescia venivano veicolati in Valcamonica, per poi alimentare le locali piazze di spaccio”. Un colpo durissimo alla criminalità locale organizzata, un plauso alla magistratura e ai carabinieri.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Tra le condizioni necessarie per esercitare l'attività di somministrazione di alimenti e bevande esiste il "requisito morale" che stabilisce che il titolare di impresa individuale o il legale rappresentante, i soci e il preposto della società NON devono essere stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza e, comunque, nessuna condanna a loro carico... a questi sono stati imputati una serie di reati che fanno impallidire anche Vallanzasca!!! Non sarebbe ora di fare dei controlli più seri?

  • Non si puo' dire che non si dessero da fare

  • mandateli a casa loro sto delinquenti

  • Bella gente, risorse irrinunciabili...

Notizie di oggi

  • Attualità

    Peste suina, scatta l'allarme anche nel Bresciano: "Segnalate i casi alle autorità"

  • Incidenti stradali

    Incidente a Vobarno: auto nel canale, morto Angelo Bonelli di 21 anni

  • Attualità

    Jeremy Wade: "Ho catturato il mostro del Garda", è una 'bestia' di 120 chili

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 26 al 28 aprile: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • La vela si chiude, parapendio precipita a tutta velocità: morto sul colpo

  • Ragazzo scomparso, tragico epilogo: trovato morto in mezzo ai boschi

  • Una scomparsa improvvisa: addio a un giovane pizzaiolo

  • Tragico schianto sulla Statale, morto 27enne bresciano

  • Il dramma di Giordano, ucciso da un tumore a soli 40 anni: "Per sempre nei nostri cuori"

  • Ragazza scomparsa, il terribile ritrovamento: su un pontile scarpe e vestiti

Torna su
BresciaToday è in caricamento