Doping e sostanze proibite: arrestato il proprietario della palestra Genesis

In manette Maurizio Bettini, proprietario della palestra Genesis di Desenzano del Garda: e intanto arrivano le prime condanne per Jacopo Beretta, Gianfranco Bozza e Nicola Ravelli

E' stato arrestato martedì mattina Maurizio Bettini, il proprietario della palestra Genesis di Desenzano del Garda, nell'ambito dell'inchiesta sulla vendita di sostanze proibite e farmaci vietati. L'ordinanza di custodia cautelare è arrivata a pochi giorni dal patteggiamento degli altri tre grandi accusati. Tra questi anche Jacopo Beretta e Gianfranco Bozza, che erano già ai domiciliari, e Nicola Ravelli.

I primi due sono stati condannati a 2 anni di reclusione, il secondo a 1 anno e 8 mesi. Inchiesta chiusa, ma il processo continua: il prossimo sarà proprio Bettini. Secondo gli inquirenti sarebbe stata la sua palestra il luogo di ritrovo per acquistare farmaci e doping (anastrozolo, Epo per i ciclisti, nandrolone, ossandrolone, stanozololo, derivati sintetici del testosterone).

Nel faldone delle indagini ci sono finite anche tre farmacie della zona del basso Garda: pare vendessero farmaci senza chiedere la ricetta medica al cliente. Tutto è cominciato con la denuncia di un “consumatore”, che si era sentito male dopo aver assunto diverse sostanze dopanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

Torna su
BresciaToday è in caricamento