Desenzano: batte le testa tuffandosi, rischia di annegare

Un turista olandese è rimasto privo di sensi in acqua ed è stato salvato dagli altri bagnati davanti al campeggio San Francesco

DESENZANO. Ancora un brutto incidente sul lago a causa di un tuffo mal calibrato, dopo gli episodi - avvenuti negli ultimi 20 giorni - di un ragazzo di 16 anni rianimato in spiaggia e di un 18enne che ora rischia danni permanenti.

Sfortunato protagonista, questa volta, un turista olandese, che - martedì sera verso le 22 - ha battuto la testa sul fondale dopo essersi tuffato in acqua davanti al campeggio San Francesco.

A seguito dell’urto l’uomo è rimasto privo di sensi e, se non fosse stato in compagnia di altri bagnati, sarebbe di certo annegato. Portato a riva, è stato subito trasportato al vicino ospedale, dove - col passare del tempo - si è lentamente ripreso. Resta il grande spavento per una disavventura che avrebbe potuto avere conseguenze ben peggiori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento