Polmonite, epidemia senza fine: 49enne muore in ospedale

La magistratura ha chiesto l'autopsia sul corpo del 49enne morto all'ospedale di Desenzano: malato di polmonite, era stato dimesso. Poi l'improvvisa ricaduta

Un'epidemia senza fine? Se lo chiedono in tanti, anche alla luce delle tante domande a cui ancora non è stata data risposta. Intanto un'altra morte sospetta è finita sotto la lente della magistratura: come scrive il Giornale di Brescia, un uomo di 49 anni residente nel Basso Garda è morto a seguito di complicazioni respiratorie all'ospedale di Desenzano. Era già stato ricoverato circa un mese fa, poi curato e dimesso.

Da qualche giorno l'improvvisa e inattesa ricaduta: quando è arrivato al pronto soccorso era già in arresto cardiaco. Per lui purtroppo non c'è stato niente da fare. La salma è già stata trasferita al Civile di Brescia, dove verrà sottoposta ad autopsia come richiesto dal pm Maria Cristina Bonomo, che sta indagando sulle vicende legate a legionella e polmonite sulla base di un'ipotesi di epidemia colposa.

E' invece un caso certo di legionella quello relativo alla degenza di un uomo di Castegnato, attualmente ricoverato al Civile: le analisi lo hanno già confermato. Si tratta del cinquantacinquesimo caso di legionella, su un totale di oltre 600 infetti da polmonite batterica, e in meno di un mese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'epicentro dell'insolita epidemia – per alcuni esperti addirittura “unica al mondo” – si è concentrato nel mese di settembre, con picchi da centinaia di casi quotidiani e decine di ricoveri. Sono meno di una decina i Comuni in cui la polmonite ha fatto più danni, e tutti nella Bassa Bresciana. Le indagini hanno potuto verificare la presenza del batterio della legionella in alcune torri di raffreddamento delle aziende. Ma non sarebbe questa la causa scatenante. E quindi si continua a cercare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Intrappolato nel sottopasso, ragazzo di 30 anni rischia di annegare in auto

  • Coronavirus, nuovo allarme: focolai nel Mantovano, 27 positivi a Brescia

Torna su
BresciaToday è in caricamento