menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Cade dalla finestra al secondo piano: la tragedia di Francesco

Morto a soli 24 anni il desenzanese Francesco Branchi: è precipitato da una finestra mentre si trovava in Olanda per il progetto Erasmus. Sabato pomeriggio in Duomo i funerali

Non esistono le parole giuste per raccontare della morte di Francesco Branchi. Ragazzo di Desenzano, 25 anni ancora da compiere: è caduto dalla finestra di casa a Nimega, piccola città del sud dell’Olanda, a pochi chilometri dalla Germania, dove si trovava per approfondire gli studi. Sembra si sia trattato di un terribile incidente, che ha spezzato una vita ancora troppo giovane.

Classe 1990, Francesco ‘Frankie’ Branchi era nato e cresciuto a Desenzano. Aveva studiato al Bagatta, si era diplomato al liceo classico. Si era poi trasferito a Venezia, dove per anni ha frequentato la facoltà di lingue dell’università di Cà Foscari, corso di laurea in lingue orientali: si era specializzato nel giapponese. Aveva girato l’Europa con il progetto Erasmus, non aveva mai smesso di collaborare con l’università. Ai suoi amici raccontava di come non avrebbe mai voluto smettere di viaggiare.

Conoscenti e coetanei lo ricordano bene, a Desenzano. Ragazzo semplice e sempre sorridente, la sua passione sfrenata per la vita, con la voglia di cambiare il mondo a tutti i costi. Leggeva, si informava: in tanti ricordano le lunghe discussioni, a parlare di politica e di futuro. Nel 2012 il suo nome era pure apparso nelle liste elettorali, candidato con la compagine di "Desenzano in Movimento" alle ultime elezioni comunali.

Grande appassionato di musica, per qualche tempo si era riscoperto chitarrista: aveva suonato qua e là, aveva portato la sua chitarra con sé, anche a Venezia. Lo ricordano con affetto anche gli amici del Collettivo universitario che frequentava.

Ha lasciato il vuoto, dietro di sé, il vuoto di un dolore che non si può raccontare: lo piangono mamma Luisa e papà Stefano, la sorella Valentina. La salma è già rientrata in Italia, ora è a Montichiari; i funerali si svolgeranno sabato pomeriggio a Desenzano, dalle 15 in Duomo. 

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di paolo R
    paolo R

    terribile disgrazia. Si pensa che certe cose non possano capitare, e invece purtroppo accadono. Ma perché queste cose non accadono ai delinquenti invece che a persone così preziose e buone? una preghiera per Francesco...

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Shock a Brescia: donna violentata in strada

  • Cronaca

    Si chiude in auto e si toglie la vita: muore giovane padre

  • Cronaca

    La fidanzata muore per malattia: ragazzo si suicida buttandosi nel vuoto

  • Incidenti stradali

    Terribile schianto con la moto: piede amputato a un ragazzo

Torna su