Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

E' una dipendente dell’ospedale di Manerbio

Il secondo caso bresciano di Coronavirus riguarda una ginecologa di 36 anni dipendente dell’ospedale di Manerbio, originaria della Bergamasca ma residente a Cellatica. A renderlo noto è il Corriere della Sera.

Secondo il giornale di via Solferino, la donna sarebbe entrata in contatto con il 51enne di Pontevico che, lunedì 24 febbraio, era stato ricoverato proprio al pronto soccorso dell'ospedale di Manerbio. Le condizioni della 36enne non sono gravi, così come quelle dell'altro bresciano in isolamento nel reparto degli Infettivi dell'ospedale Civile di Brescia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quanto è letale il coronavirus? Il 95% dei malati non ha complicazioni

Coronavirus, il punto sul contagio

Secondo l'ultimo conteggio di lunedì sera, i casi di contagio nel mondo sono 80.149, i morti 2.699 e i 27.747 guariti. L'incide di mortalità è quindi dello 3,3%. La più nota epidemia Sars, in due anni ha registrato 8096 casi e 774 morti, con un tasso di letalità del 9,6%. Quasi il triplo del Coronavirus, ma molto meno clamore (e panico) a livello mondiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Economia bresciana in lutto: è morto l'imprenditore Giuliano Gnutti

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in poche ore morte tre sorelle

  • Muore a soli 47 anni, tutto il paese in lutto: "Sarai sempre nei nostri cuori"

Torna su
BresciaToday è in caricamento