Licenze contestate, blitz della Polizia: sigilli al locale della movida

Rimarrà chiuso probabilmente tutto il weekend il Sestino Beach di Desenzano del Garda: la Polizia Locale ha posto i sigilli per un sequestro preventivo

I sigilli al Sestino Beach © Bresciatoday.it

Ci sarebbe una contestazione di tipo amministrativo, su licenze e autorizzazioni, alla base del sequestro preventivo eseguito mercoledì mattina dalla Polizia Locale per il noto locale Sestino Beach di Desenzano del Garda, di cui tra l'altro Jerry Calà è direttore artistico: sigilli sia all'ingresso che sul retro, divieto di accesso e di violazione dell'area sequestrata.

L'indagine aperta dalla Procura della Repubblica si starebbe occupando di presunti “intrattenimenti danzanti” non autorizzati: per intenderci, il locale sarebbe stato utilizzato come una discoteca quando invece non ne avrebbe i permessi. I gestori hanno già confermato di aver effettuato richiesta di dissequestro.

I tempi tecnici suggeriscono comunque che ci vorrà qualche giorno: difficile possa riaprire prima della fine del weekend. Nel tardo pomeriggio di mercoledì la società che gestisce il Sestino ha diffuso una nota ufficiale sulla vicenda.

“In riferimento alla chiusura temporanea del locale – scrivono i gestori – la società comunica che detto provvedimento è conseguenza di un'indagine in corso su presunti intrattenimenti danzanti. Il Sestino Beach in questi hanno ha sempre esercitato la propria attività nel rispetto e nei limiti dei permessi e delle autorizzazioni”.

“Il locale non è una discoteca, non ha un palco né tanto meno una sala da ballo – si legge ancora nella nota – La società paga regolarmente i borderò Siae che prevedono intrattenimento musicale con dj e pianista. E in occasione dei concerti il Sestino ha sempre fatto richiesta di un'autorizzazione in deroga ai decibel, regolarmente firmata (e dunque autorizzata) dal Comune di Desenzano”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Da questo articolo si intuisce che il locale in questione non è in possesso di regolare "licenza di esercizio di pubblico spettacolo". La stessa è necessaria per dare corso a spettacoli e trattenimenti (art. 68 del Tulps). Averla comporta un esborso di denaro non indifferente, ma i locali in regola hanno provveduto anche a questo. E' giusto che proceda a mettersi in regola anche questa gestione.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Si arrende alla malattia dopo una lotta lunga anni: "Instancabile guerriero"

  • Cronaca

    Tav, sequestrati 8.500 mq di terreni: "Indagini per smaltimento illecito di rifiuti"

  • Incidenti stradali

    Si schianta con la moto contro un Suv, ragazzo in gravi condizioni

  • Cronaca

    Difendevano i cittadini dagli illeciti bancari, ora sono accusati di truffa

I più letti della settimana

  • Nadia Toffa: «Il cancro è tornato, ma non mi arrendo»

  • È morto Vito Cremasco: Brescia piange la sua 'mascotte'

  • Tragedia in paese: giovane uomo trovato impiccato a un porticato

  • "Prigioniera in Tunisia con mio figlio", il grido d'aiuto di una mamma bresciana

  • Serata con le amiche, poi l'incubo: tentano di violentarla mentre dorme in auto

  • Marito in arresto cardiaco, la moglie disperata in strada ma nessuno si ferma

Torna su
BresciaToday è in caricamento