Febbre del Nilo: è ancora gravissima la donna punta da una zanzara

La 68enne di Chiari resta ricoverata in prognosi riservata

Foto d'archivio

E' ancora ricoverata in gravissime condizioni all'ospedale Mellino Mellini, la 68enne di Chiari infettata dal West Nile Virus a causa di una puntura della zanzara. La donna aveva iniziato a manifestare forti mal di testa, disorientamento, disturbi alla vista e febbre alta: gli accertamenti in ospedale hanno poi permesso di diagnosticare la malattia. Sembra che stia reagendo positivamente alle prime cure, ma il quadro clinico è ancora molto grave e resta ricoverata in prognosi riservata. 

Un mese fa, a Gambara, un anziano di 75 anni aveva contratto la stessa patologia, che l'aveva ridotto quasi in fin di vita. Nessun allarme sembra venire dalla Regione, dato che il numero dei casi registrati è in linea con quelli degli ultimi anni. In provincia di Brescia si contano sei casi nel 2018, nessuno di questi mortale. Sono invece dieci i decessi in tutta Italia.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento