Cevo: sono tredici indagati per il crollo della croce di Job

Il fascicolo d'indagine per omicidio colposo della Procura di Brescia: per la morte di Marco Gusmini, il 21enne di Lovere schiacciato dalla croce di Cevo, sono indagate 13 persone

Sono almeno 13 gli indagati iscritti dalla Procura di Brescia a seguito del crollo della Croce di Job che, spezzandosi probabilmente a causa del vento, ha ucciso sul colpo il giovanissimo Marco Gusmini, ragazzo di 21 anni residente a Lovere, sul Sebino bergamasco.

Il fascicolo d’indagine della Procura non esclude l’accusa di omicidio colposo per la tragica vicenda, secondo i magistrati condizionata da errori umani. Tra i nomi eccellenti non mancano sindaco ed ex sindaco di Cevo (Mauro Giovanni Bazzana e Silvio Citroni), oltre all’ex direttore del Museo Diocesano, Ivo Panteghini.

Oltre a loro tecnici ed esponenti dell’associazione dedicata appunto alla Croce del Papa. Un manufatto realizzato appositamente per il passaggio di Giovanni Paolo II a Brescia, e forse non adatto al trasferimento in montagna. Dove comunque ‘giaceva’ ancora dal 2005.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Arrivano una Smart e una Fiat 500, poi lo scambio di droga: arrestato cantante

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Morto l'imprenditore Renato Martinelli: ucciso in tre mesi dalla malattia

  • Violenta scossa in azienda, folgorato operaio: portato con ustioni al Civile

  • In arrivo due nuovi autovelox: limite abbassato dai 90 ai 70 chilometri orari

Torna su
BresciaToday è in caricamento