Non vuole il ricovero coatto e scappa dalla finestra: preso dopo ore di ricerche

Un 45enne è riuscito a fuggire nei boschi prima dell’arrivo dell’ambulanza chiamata per trasportarlo in ospedale.

Ha capito che l’ambulanza che stava arrivando, a sirene spiegate, era stata chiamata per lui, così, senza esitazione, ha aperto la finestra e, dal primo piano, è saltato. Il protagonista dell’episodio, raccontato stamane da Bresciaoggi, che nella giornata di ieri, sabato 11 marzo, ha tenuto molte persone col fiato sospeso, è un 45enne di Cevo. 

A causa del suo comportamento pericoloso, intorno alle 8 di mattina si è resa necessaria la chiamata dell’ambulanza per un trattamento sanitario obbligatorio. Quando il mezzo era ormai arrivato alla sua abitazione, l’uomo ha deciso di fuggire saltando dalla finestra e dirigendosi nel bosco. Chiamati i carabinieri, questi hanno attivato i Vigili del fuoco di Edolo e Darfo Boario Terme, la Protezione civile ed il Soccorso alpino di Mediavalle. 

Venti le persone complessivamente coinvolte, dalla prima mattinata fino alle 13:30 quando, grazie alla telefonata di una testimone ai carabinieri, l’uomo è stato raggiunto proprio sotto il dosso dell’Androla, dove ha sede la Crece di Job. A quanto pare la meta del 45enne era la baita di montagna della madre, situata nella frazione Andrista, l’uomo però è stato accompagnato in ospedale a Esine. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Arrivano una Smart e una Fiat 500, poi lo scambio di droga: arrestato cantante

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Morto l'imprenditore Renato Martinelli: ucciso in tre mesi dalla malattia

  • Violenta scossa in azienda, folgorato operaio: portato con ustioni al Civile

  • In arrivo due nuovi autovelox: limite abbassato dai 90 ai 70 chilometri orari

Torna su
BresciaToday è in caricamento