Locale sempre pieno, la movida va per strada: "Ragazzi a rischio"

A Nadro di Ceto il Fashion Life Cafè: tantissimi ragazzi nel weekend per la movida. Ma in tanti passano la serata in mezzo alla strada, in un incrocio considerato pericoloso: residenti e automobilisti parlano di "rischio sicurezza"

La serata era stata annunciata da tempo, e il “risultato” era di quello dei più attesi: sabato sera, un gran pienone. Non è stata la prima volta, non sarà l’ultima: il Fashion Life Cafè di Via Nazionale a Nadro, frazione di Ceto, è diventato ormai (da qualche mese) il punto di riferimento per la movida giovane dei dintorni. In Valcamonica, e non solo, da tempo ormai non si parla d’altro.

Venerdì e sabato sera, con il giorno “clou” del weekend che è anche il giorno clou per l’affluenza. I clienti sono in gran parte giovanissimi, e tantissimi: il bar non li può contenere tutti, e molti di loro passano la serata anche all’esterno. E qui sorgerebbero i primi problemi.

Nel senso che il locale si affaccia direttamente sulla strada, e la stessa strada diventerebbe un improvvisato plateatico. Senza tavolini e ombrelloni, ovviamente, ma con un ampio numero di presenti che stazionerebbe oltre il “confine” del plateatico quello vero. E nelle ultime settimane sarebbe arrivata richiesta ufficiosa di “messa in sicurezza”.

Da parte dei residenti, poi qualche genitore, perfino diversi automobilisti. Non che il locale non sia già corso ai ripari, anzi: da qualche tempo in loco è attivo un servizio di “sicurezza” che invita appunto i giovani a starsene lontano dalla strada. La paura è che qualcuno, prima o poi, possa essere addirittura investito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La location è per forza "a rischio": il Fashion Life Cafè si trova quasi all’incrocio tra l’ex Provinciale e l’attuale Statale. Non si esclude che per la prossima stagione proprio i titolari, insieme ad altri esercenti della zona, non si attivino nella richiesta della posa di alcuni dossi, per rallentare le auto di passaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane papà stroncato dal Coronavirus: Alessandro aveva solo 48 anni

  • Economia bresciana in lutto: nello stesso giorno muoiono due imprenditori

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Coronavirus, nel Bresciano 274 contagi e 69 decessi nelle ultime 24 ore

  • "Hai combattuto da eroe": addio a Marco, morto a soli 43 anni

  • Coronavirus, in Lombardia si muore in casa: motivi (e responsabilità) di un fallimento

Torna su
BresciaToday è in caricamento