Cava Piccinelli, allarme rinviato. La falda acquifera non è contaminata

Il Comune di Brescia ha presentato i risultati dell'ultimissima serie di analisi dell'ARPA sul rischio di contaminazione della falda sotterranea tra San Polo e Buffalora. Non si registra presenza rilevante di Cesio 137

L’acqua di falda non è contaminata, falso allarme e gran sospiri di sollievo. Questo quanto emerge da una comunicazione ufficiale del Comune di Brescia, con cui l’assessore Paola Vilardi ha presentato i risultati delle analisi condotte dall’ARPA e consegnate il 19 marzo scorso. Stando alle ultime conclusioni, nella Cava Piccinelli non si registra alcuna concentrazione di Cesio 137 superiore ai livelli minimi rilevabili, e la falda sotterranea tra San Polo e Buffalora non è poi così inquinata.

La Cava sotto speciale osservazione è già stata messa (quasi) in sicurezza, ma il monitoraggio continua. “Il Comune di Brescia, in accordo con ARPA – ha spiegato la Vilardi – continuerà comunque l’attività di verifica della situazione ambientale relativa alla discarica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Arrivano una Smart e una Fiat 500, poi lo scambio di droga: arrestato cantante

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Morto l'imprenditore Renato Martinelli: ucciso in tre mesi dalla malattia

  • Violenta scossa in azienda, folgorato operaio: portato con ustioni al Civile

  • In arrivo due nuovi autovelox: limite abbassato dai 90 ai 70 chilometri orari

Torna su
BresciaToday è in caricamento