Colpo grosso al campo da golf: banditi in fuga con 200.000 euro di bottino

Banditi in fuga probabilmente a bordo di un camion: il colpo al Golf Club di Castrezzato nella notte tra lunedì e martedì

Sulla pagina Facebook del Golf Club La Colombera di Castrezzato sono state pubblicate alcune fotografie: trattori, attrezzi, tagliaerba, mezzi per la manutenzione dei campi e dei terreni. “Preghiamo tutti di condividere il più possibile. Se ci fossero informazioni rilevanti vi preghiamo di contattarci”.

Colpo grosso, purtroppo riuscito, al noto Golf Club della Bassa: in una sola notte sono stati rubati attrezzi, trattori e attrezzature per oltre 200mila euro. Mezzi e materiali specifici, a marca John Deere e Toro, utilizzati per la pulizia e la sistemazione dei campi: attrezzature costosissime, ora tutte scomparse.

Un colpo da professionisti

Il colpo è andato in scena nella notte tra lunedì e martedì. Veri professionisti in azione: qualcuno ha disattivato l’allarme, così da poter agire indisturbato. Una banda organizzata: i mezzi sono stati trasportati fuori dal magazzino esterno e poi caricati su un camion. Di cui al momento non v’è traccia.

Indagano le forze dell’ordine. Al vaglio degli inquirenti anche le immagini delle telecamere di sorveglianza, dentro e fuori il Golf Club. L’ipotesi è quella di un colpo studiato nei minimi dettagli, preparato a lungo con appostamenti e sopralluoghi. Non si esclude nemmeno che qualcuno sia rimasto all’interno del Golf Club, nascosto, e poi aprire la strada ai colleghi rapinatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento