È morto Carlo Maria Maggi, il mandante della strage di piazza Loggia

Si è spento a 84 anni nella sua casa di Venezia: nel giugno di un anno fa era stato condannato in via definitiva all'ergastolo per la strage della Loggia

La giustizia lo aveva riconosciuto come mandante (e dunque responsabile) della strage di Piazza della Loggia: condannato all'ergastolo in appello nel luglio 2015, insieme a Maurizio Tramonte, e la pena poi confermata anche in cassazione il 20 giugno di un anno fa. Non è stato trasferito in carcere, ma condannato a scontare la pena ai domiciliari: proprio nella sua casa di Venezia, a 84 anni, Carlo Maria Maggi ha esalato l'ultimo respiro.

Era malato da tempo, a causa di una neuropatia: negli ultimi giorni le sue condizioni si sono aggravate. Volto noto degli “anni neri”, ormai quasi mezzo secolo fa: coinvolto in qualche modo in alcune delle stragi più gravi della storia italiana, venne assolto per insufficienza di prove per le vittime di Piazza Fontana a Milano, il 12 dicembre 1969, e per la strage alla Questura di Milano del 17 maggio 1973.

Era stato assolto anche per la strage della Loggia, del 28 maggio 1974, sia in primo grado (alla fine del 2010) che in appello, nell'aprile del 2012. Una sentenza che venne poi annullata dalla Corte di Cassazione un paio d'anni più tardi. Fino alla revisione del processo, il nuovo appello e infine la cassazione, con la doppia conferma dell'ergastolo insieme a Tramonte.

Maggi era un dottore, laureato in Medicina: ha esercitato la professione per più di 30 anni. Ma nel frattempo è stato riconosciuto come militante attivo nel gruppo veneto di Ordine Nuovo, gruppo di estrema destra considerato (anche dal punto di vista giudiziario) tra i più attivi nell'ambito dello stragismo fascista. Nato e cresciuto a Venezia, proprio a Venezia è morto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Alla fine c’è una giustizia x tutti !!!

  • Fabio ........sei daltonico ?

  • Fabio .......chiarisciti le idee : Maggi era un dottore, laureato in Medicina: ha esercitato la professione per più di 30 anni. Ma nel frattempo è stato riconosciuto come militante attivo nel gruppo veneto di Ordine Nuovo, gruppo di estrema destra considerato (anche dal punto di vista giudiziario) tra i più attivi nell'ambito dello stragismo fascista. Nato e cresciuto a Venezia, proprio a Venezia è morto.

    • lascia perdere.. sprechi il tuo tempo prezioso...

  • Penso che la morte di uno stragista non commuova nessuno fatta eccezione "forse" per i più stretti famigliari. Non dovrebbe varcare nemmeno la soglia della chiesa.

  • Un delinquente rosso in meno... e che i tuoi eredi paghino per te!!!!!!

    • Avatar anonimo di Voltaire
      Voltaire

      Fabio! Eh ma peccato che si parli di stragismo di destra filofascista. Niente di rosso, nemmeno tendendte al bordeaux... Informati bene prima di scrivere la prima cosa che salta in mente... Rimandato!

  • che bruci all'inferno

Notizie di oggi

  • Attualità

    Nuova vita per il parco Gavia: addio al Pcb, a maggio la riapertura

  • Attualità

    Tentata strage di bambini: a Brescia abusi sessuali su una ragazzina

  • Cronaca

    "Ha ucciso l'ex moglie per gelosia", ma del cadavere ancora nessuna traccia

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 22 al 24 marzo: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • Tragedia in casa: ragazza non risponde ai familiari, i pompieri la trovano morta

  • Incidente a Calvagese della Riviera: morti Marco Cioccarelli e Alessandro Giuliani

  • Marco e Alessandro, tra sogni e ricordi: due giovani vite spezzate troppo presto

  • L'auto distrutta in un groviglio di lamiere: lesioni cerebrali per il ragazzo alla guida

  • Blocca una bambina in strada e le mostra il pene: condannato operaio bresciano

  • Ambra senza filtri sull'ex: "Renga? Complicato vivere vicini, ma sa farmi ridere"

Torna su
BresciaToday è in caricamento