Capovalle: Messa del Bracconiere, ambientalisti alla carica

La lettera animalista al vescovo Monari affinché impedisca lo svolgersi dell'appuntamento estivo in cui vengono spiedati decine di uccellini protetti, e che si conclude con una funzione religiosa dedicata al bracconaggio

Tutti gli anni, sulle alture di Capovalle in Valsabbia, si svolge un evento un po’ particolare, a detta di alcuni forse anche un po’ anomalo. In cima ad una nota collinetta (il Monte Manos) si ritrovano in una trentina o forse anche più e se la spassano per una serata intera, gustando e degustando un piatto che più tipico non si può, lo spiedo, ovviamente ‘condito’ con il meglio degli uccellini alla bresciana.

La serata, tra vino rosso e caffè corretto grappa, si chiude con un appuntamento religioso: una funzione che ormai è tradizione in cui il parroco (o altro uomo di chiesa) decanta e racconta di una Madonna, e recita ai devoti la cosiddetta ‘Messa del Bracconiere’.

La storia prende forma: sul Monte Manos da decenni sta un roccolo abusivo e illegale, nella proprietà di un ‘uccellatore’ già denunciato più di una volta. Ma la caccia, e lo spiedo, sono due tradizioni che resistono: forte di questo, la Chiesa non poteva fare altrimenti se non consacrarle, tanto da inventarsi una Messa che celebra la caccia, anche vietata.

Da qui la ‘carica’ degli ambientalisti: un folto gruppo di animalisti (Lipu e Lac, Enpa e Oipa) a cui si è aggiunta anche Legambiente, tutti insieme in una lunga lettera che è stata inviata addirittura al vescovo di Brescia, Luciano Monari.

“Nello sfondo di un impianto clandestino – si legge nel testo – una struttura abusiva che dovrebbe esser stata demolita da anni, l’uccellatore in questione organizza una gara di spiedi, confezionata naturalmente con uccelli appartenenti a specie protette […] e che viene normalmente dedicata da una messa dedicata alla figura del bracconiere”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il Coordinamento – concludono ambientalisti e animalisti – spera caldamente in una nota ufficiale del vescovo che impedisca ad ogni religioso bresciano di partecipare come celebrante al grottesco evento di Monte Manos. […] Un evento che sembra un insulto alla fede cristiana, al buon senso, all’ambiente e ad un’evoluzione dei costumi che vede un costante allontanamento da pratiche violente collocabili in un passato culturale oggi inconcepibile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Strade sommerse da un'incredibile grandinata: servono le ruspe per liberarle

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Violenta rissa, ragazzino picchiato e lasciato ferito in mezzo alla strada

  • Drammatico schianto frontale nella notte: morte due ragazze

Torna su
BresciaToday è in caricamento