Smontavano automobili rubate: condannati due bresciani

Almeno due i mezzi cannibalizzati, una Bmw Serie 1 e una Fiat 500. I due bresciani finiranno in aula anche per i furti di altre 30 automobili

Fonte: web

Smontate pezzo per pezzo per poter ricavare il più possibile dal mercato nero dei ricambi. Due bresciani - Massimiliano Rocca, classe 1974, e Oscar Bonomelli, classe 1972 - sono stati condannati a rispettivamente due anni e due anni e quattro mesi in seguito a una vicenda che risale al 2016. Allora i due furono sorpresi mentre in un capannone smontavano in mille pezzi i due veicoli, appena stati rubati. La vicenda è riportata dal quotidiano Bresciaoggi in edicola stamane. 

Parallelamente a questa indagine ce n'è un'altra che vede coinvolti gli stessi due bresciani e altre persone, come il bresciano Angelo Cancarini, la bresciana Alessandra Baldo e il moldavo Roman Candiba. Questo secondo filone è stato aperto per far luce sul furto di una trentina di Fiat 500 finalizzato alla cannibalizzazione. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale: un morto, un ferito grave e 8 chilometri di coda

  • Musicista bresciano accoltellato fuori da un locale

  • Pontevico, apre nuovo supermercato ALDI: tutte le informazioni

  • Si schianta in moto, ragazzo finisce sotto un camion: è gravissimo

  • Corpo riverso sul tavolino, ragazzo bresciano trovato morto in casa

  • La fame di supermercati non si placa: nuovo punto vendita in arrivo

Torna su
BresciaToday è in caricamento