Trovato con la cocaina, prende a pugni un carabiniere e fugge nei campi

Un giovane uomo di 27 anni è stato arrestato a Calvisano: sorpreso mentre gettava una dose di cocaina nel fiume, ha colpito un militare e poi si è dato alla fuga

Un 27enne marocchino, già noto alle forze dell'ordine, è finito in manette per spaccio e resistenza a pubblico ufficiale. Sorpreso mentre si aggirava con fare 'sospetto' lungo la riva del Fiume Chiese, ha gettato la droga nel corso d'acqua, poi ha aggredito un militare per ritagliarsi una via di fuga.

Era in giro a piedi, nella tarda serata di lunedì, per le strade della località Tre Salti di Calvisano: quando ha visto i Carabinieri si è liberato dello stupefacente che aveva addosso, circa 25 grammi di cocaina. Quando ha capito che stavano per scattare le manette, ha sferrato un pugno contro uno dei militari: poi è scappato, a piedi, nei campi della zona.

I Carabinieri lo hanno inseguito e fermato, ancora una volta: il 27enne avrebbe nuovamente provato a opporsi all'arresto, senza però avere successo. Dopo la notte trascorsa in camera di sicurezza, martedì mattina è comparso in tribunale: il giudice ha convalidato la misura cautelare, condannandolo a due anni di reclusione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Arrivano una Smart e una Fiat 500, poi lo scambio di droga: arrestato cantante

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Morto l'imprenditore Renato Martinelli: ucciso in tre mesi dalla malattia

  • Violenta scossa in azienda, folgorato operaio: portato con ustioni al Civile

  • In arrivo due nuovi autovelox: limite abbassato dai 90 ai 70 chilometri orari

Torna su
BresciaToday è in caricamento