Caffaro e veleni, l'incubo non è finito: il mercurio uccide decine di gatti

Perdite di mercurio accertate da ispezione Arpa: la Procura ha già sequestrato il capannone. Il veleno scorre dalle cisterne e dalle tubature

Quel che resta della Caffaro

L'incubo Caffaro sembra non finire mai: dalla fabbrica simbolo dell'inquinamento bresciano e italiano, in gran parte abbandonata ma in parte ancora produttiva, fuoriescono altri veleni, e tra i più pericolosi. L'ultima ispezione dell'Arpa ha infatti verificato la presenza di ingenti quantitativi di mercurio, considerata una delle 10 sostanze più tossiche del mondo: esce dalle cisterne ormai fuori uso, dalle tubature arrugginite. E avrebbe provocato una strage di gatti, decine di animali morti nel capannone a causa delle esalazioni mortali.

Lo scrive il Corriere della Sera: sull'accaduto la Procura ha già aperto un'inchiesta, e sequestrato il capannone di Via Milano. L'ennesimo capitolo di una vicenda che si trascina ormai da 20 anni. Sull'intero sito produttivo è in ballo una bonifica milionaria, che dovrebbe partire entro il 2021. Ma nel frattempo da quella fabbrica dismessa continuano a scorrere veleni.

Mezza tonnellata di veleni, ogni anno

Ogni anno, scrive ancora il Corriere, più di mezza tonnellata di sostanze tossiche, tra cui cromo e solventi, tetracloruro di carbonio, Pcb e appunto mercurio. La pericolosità dei nuovi sversamenti rilevati è ancora tutta da accertare. Non si escludono ulteriori contaminazioni, e soprattutto saranno da verificare se i lavoratori – in tutto una cinquantina, al lavoro per la Chimica Fedeli di Pisa che produce cloro per piscine – ne siano venuti in qualche modo a contatto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di certo i gatti che vivevano nel capannone sì. E sono tutti morti. La fabbrica Caffaro ha continuato a produrre fino al 1997: è dai primi anni del 2000 che è scoppiata la bomba ecologica. Si presume che da allora siano già stati contaminati più di 700 ettari di terreni, per i continui sversamenti, e oltre 2000 ettari di falda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Lombardia, la nuova ordinanza: via la mascherina all'aperto

  • Cadavere in montagna: risolto il 'mistero' dell'escursionista trovato morto

  • Un bimbo si sente male, al grest di paese un sospetto caso di coronavirus

  • Ubriaco al volante dell'auto, scappa dalla polizia ma finisce la benzina

Torna su
BresciaToday è in caricamento