Artematica, truccate anche le visite degli Inca: raggiro da 250.000 euro

La Fondazione ha già fatto sapere di aver dato mandato ai propri legali per agire in sede penale e civile contro la società di Brunello

In risposta alla richiesta della direzione generale del Comune, la S.I.A.E. ha fornito i dati riguardanti gli accessi alla mostra sugli Inca, che si è svolta nel Museo di Santa Giulia dal 4 dicembre del 2009 al 27 giugno del 2010.

Il totale dei visitatori certificati da S.I.A.E. è di 207.854, di cui 194.015 paganti.
I dati differiscono nuovamente, come già accertato per Matisse, rispetto ai modelli C1 consegnati da Artematica alla Fondazione Brescia Musei.

Secondo il contratto stipulato dalla Fondazione con la società trevigiana, nel caso di visitatori paganti inferiori a 200.000, ma superiori a 150.000, era prevista una riduzione del compenso per 250.000 euro (più IVA) che, invece, Artemetica si è intascata gonfiando le visite.

Questa mattina, il Comune depositerà una denuncia in la Procura. La Fondazione è invece intenzionata a predisporre azioni, in sede civile e penale, per il recupero dei 250.000 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Auto precipita per decine di metri, morto il medico Giorgio De Thierry

Torna su
BresciaToday è in caricamento