Brescia, incendio nell’ex fabbrica: ancora degrado in Via Milano

Le fiamme divampano in tarda mattinata: forse un dolo, forse un fuocherello uscito fuori controllo. Dagli spazi dell'ex Ideal Clima di Via Milano scappano barboni e senzatetto: ancora degrado, a due passi dal centro di Brescia

Dentro l'ex Ideal Clima

Ancora si indaga sulle cause dell’incendio che ieri mattina ha scosso il grigio di Via Milano: dagli spazi dell’ex Ideal Clima ha cominciato a fuoriuscire un fumo nero prima, e vere e proprie fiammate poi. Più d’una segnalazione infatti ai Vigili del Fuoco e alle forze dell’ordine.

Una storia di degrado, ancora, a due passi dal centro e dalle case da migliaia al metro quadro. In quella che una volta era una fabbrica con tanto di uffici oggi vivono senzatetto e disagiati, barboni e spacciatori, immigrati senza casa e senza un foglio che valga come un documento.

Ieri mattina sono scappati tutti, alla vista dell’arrivo delle forze in divise, mentre dalle stanze il fumo si faceva denso, e le fiamme più alte. L’incendio è divampato dal pian terreno: duplice l’ipotesi di causa, o un dolo di qualche vicino di casa che mal sopporta le tante presenze all’interno dell’ex fabbrica, magari invece un fuoco per scaldarsi uscito fuori controllo.

Ha preso fuoco la carta, sparsa un po’ ovunque all’interno, sono bruciati anche vecchi bottiglioni in plastica, borsine della spesa e rifiuti. Tutto rientrato, in pochi minuti: ma non è stata la prima volta, e non sarà l’ultima.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Ondata di caldo, bollino rosso per Brescia. Il Ministero: “Situazione di emergenza”

    • Cronaca

      Finte trasferte per non pagare tasse, nei guai imprenditore bresciano

    • Cronaca

      “Odio il seno rifatto!”, operaio insulta una prostituta e la riempie di botte

    • WeekEnd

      Eventi: cosa fare a Brescia e provincia dal 23 al 26 giugno 2017

    I più letti della settimana

    • Coltello alla gola, costretta a una fellatio: riconosciuto e condannato dopo 14 anni

    • Morto annegato ingegnere bresciano: stava nuotando col figlioletto

    • Investe e uccide il suo aggressore: si erano conosciuti a causa di una rissa

    • Villongo: minacciata da un uomo armato, 44enne lo investe e lo uccide con l’auto

    • Investito e ucciso, le rivelazioni shock dei fratelli: “Molto più di un’amicizia”

    • Autista aggredito da un passeggero senza biglietto, il bus ferma in caserma

    Torna su
    BresciaToday è in caricamento