Minore si sente male per il troppo alcol, ricorso respinto: chiuso il Social Club

Serrande abbassate per 15 giorni per il Social Club di Via della Ziziola: il Tar ha respinto il ricorso dei titolari in merito ad un caso di somministrazione di alcolici a un ragazzo minorenne

Il locale era stato chiuso e riaperto in meno di 24 ore, con un fulmineo ricorso al Tar da parte dei gestori. Sono passati quasi due mesi, il Tar ha detto la sua: il Social Club di Via della Ziziola a Brescia dovrà chiudere i battenti per 15 giorni, in merito ad un caso di somministrazione di alcolici a minori. Respinto il ricorso dei titolari.

La sentenza del Tar parla chiaro, chiarissimo. “E' oggettivo che all'interno del locale il gruppo di minori, di cui faceva parte il giovane che successivamente si è sentito male per abuso di sostanze alcoliche, ha avuto a disposizione tale tipologia di bevande”.

Per i titolari del Social il ragazzo invece avrebbe bevuto di fuori: la direzione, onde evitare problemi di questo tipo, da tempo ha predisposto controlli serrati all'ingresso. I minorenni possono entrare previo controllo di carta d'identità, ma vengono comunque “segnalati” con un bracciale di colore rosso.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Elezioni Comunali 2019: diretta spoglio e chi ha vinto nei Comuni bresciani

  • Incidenti stradali

    Tragico schianto sulla Provinciale: ragazzo di 27 anni muore in scooter

  • Sport

    Il Gavia è solo per i più intrepidi: ciclisti avvolti dal canyon di neve

  • Cronaca

    Morso da una vipera, il cellulare non funziona: panico durante la gita con la moglie

I più letti della settimana

  • Professore si suicida in palestra, il corpo trovato da due studenti

  • Stroncata dalla malattia, muore madre di famiglia: il dolore di figli e marito

  • Grandine e nubifragi nel Bresciano: strade allagate, traffico nel caos

  • Schianto in galleria: feriti estratti dalle lamiere, strada chiusa

  • "Ucciso dai nipoti e messo in un sacco per far sparire il cadavere"

  • Ragazze portate d'urgenza al pronto soccorso, intanto il medico abusava di loro

Torna su
BresciaToday è in caricamento