Il procuratore antimafia: "La Brebemi è servita per interrare rifiuti"

La Procura antimafia accende i riflettori sul grande problema bresciano dei rifiuti: troppe le aziende, troppe le discariche. E l'illegalita' che diventa quotidiana. Sotto accusa anche la nuova autostrada

A pochi giorni dalle ispezioni a sorpresa sui cantieri della BreBeMi, a Roncadelle, la direzione investigativa antimafia riaccende i riflettori sul territorio bresciano, questa volta per quanto riguarda il traffico e lo smaltimento dei rifiuti.

Lo racconta Pietro Gorlani sul Corriere della Sera, che non esita a definire Brescia la 'capitale' degli illeciti sui rifiuti. Troppe le aziende che ne trattano, troppe le discariche: e la linea tra legalità e illegalità che si fa sempre più sottile.

In particolare, come sottolineato dai procuratori antimafia Franco Roberti e Roberto Pennisi, la 'crisi' dei rifiuti coinvolgerebbe l'intero processo di smaltimento, legato poi all'importazione di rifiuti anche pericolosi, al movimento terra e alla realizzazione di opere pubbliche: "Brescia è uno dei punti sensibili del nostro territorio dal punto di vista dei traffici dei rifiuti - spiega Pennisi sempre al Corsera -. Se non altro perché nel territorio bresciano si concentra un quantitativo estremamente rilevante di attività produttive che producono rifiuti, tant’è vero che l’unico scopo al quale fino a questo momento è servita la Brebemi è stato per interrare rifiuti".

La risposta della società alle dichiarazioni
del procuratore Roberto Pennisi

Ma oltre alle scorie spesso nascoste sotto le strade e le ferrovie negli ultimi tempi si cominciano a delineare anche altri procedimenti illeciti. Come l'export di rifiuti speciali e pericolosi, smaltiti a basso costo nei Paesi asiatici, vedi Cina, lasciando comunque sul territorio un segno indelebile. Mai depurati, mai bonificati.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Simone Falanga
    Simone Falanga

    Soliti napoletani...

  • Avatar anonimo di giuliano sigalini
    giuliano sigalini

    Ma siamo sicuri che il proiuratore non alludesse alla A 4 sotto la quale (per la terza corsia) è stato trovato di tutto. Ma è sempre Brebemi quella che inquina, anche quando, nel fare gli scavi, si è trovato di tutto!!!

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Drammatico frontale contro un tir mentre rientra dal lavoro, 21enne muore sul colpo

  • Cronaca

    Ha servito pizze e focacce a generazioni di bresciani, addio a Barbara Posio di Birbes

  • Cronaca

    Panico in paese: mezza nuda in mezzo alla strada se la prende coi soccorritori

  • Incidenti stradali

    Tragico incidente dopo la disco: lacrime per Gabriele, una preghiera per Ilenia

I più letti della settimana

  • Va a dormire e non si sveglia più: ragazza trovata morta nel letto a 18 anni

  • Sesso, masturbazione e (anche) violenza: a Brescia il bosco degli incontri gay

  • Muore a 19 anni dopo una notte in discoteca: gravissima la sua amica

  • Figlia morta nel sonno a 18 anni, Tramonte non potrà partecipare ai funerali

  • Auto 'impazzita' travolge due ragazzi sul marciapiede, poi piomba sulla rotonda

  • Devastati dall'alcol, 6 giovani si sentono male: notte di passione per le ambulanze

Torna su
BresciaToday è in caricamento