L'autista non lo fa salire, lui rompe il vetro a calci

Dopo aver rincorso il bus in partenza, un ragazzo ha sfondato a calci e pugni la porta. Il conducente ha chiamato i carabinieri

Danneggiamento e interruzione di pubblico servizio. Queste le denunce a carico di un ventenne bresciano che nel tardo pomeriggio di giovedì non è riuscito a tenere a bada la sua ira nei confronti dell'autista di un bus cittadino, reo di non averlo fatto salire sul mezzo. 

Il fatto è accaduto intorno alle 18 in via Solferino, in città. Il ventenne non è arrivato in tempo alla fermata, ed ha visto il mezzo pubblico partire per la sua corsa. Raggiunto l'autobus in prossimità di un vicino incrocio, il giovane ha attirato l'attenzione dell'autista per farsi aprire lo sportellone, ma il conducente - come da regolamento - non poteva fare nulla. A quel punto è scattato il raptus: con calci e pugni il ventenne ha colpito ripetutamente la porta fino a che il vetro si è infranto. 

Poco dopo sul posto è arrivata una pattuglia dei carabinieri, chiamata dall'autista. Bloccato e identificato, il ragazzo è stato trasferito in caserma. Dopo gli accertamenti il ventenne è stati rilasciato, con una doppia denuncia sul groppone. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brescia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Travolta e investita da un camion sulle strisce pedonali: donna muore sul colpo

Torna su
BresciaToday è in caricamento