Sesso con ragazze e massaggi hot: chiusi due centri estetici della città

I titolari sono stati denunciati per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione

La Guardia di Finanza ha chiuso e sequestrato due centri estetici gestiti da cittadini cinesi, al cui interno veniva condotta una vera e propria attività di prostituzione. L'operazione ha preso avvio dal controllo economico delle attività del territorio condotto di routine dai militari della compagnia di Brescia. 

Nel mirino dei finanzieri sono finite, in particolare, due attività che ufficialmente offrivano massaggi e cure estetiche: una si trova nel quartiere Don Bosco, l'altra nella zona del ring cittadino. Le indagini hanno accertato che in entrambi i centri venivano sistematicamente offerte prestazioni sessuali a pagamento e venivano sfruttate giovani donne cinesi.

I titolari sono stati denunciati per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Nel perquisire i locali, le Fiamme Gialle hanno inoltre sequestrato parecchio denaro contante e anche una copiosa documentazione contabile, utile per gli approfondimenti sia di carattere fiscale, sia in materia di lavoro nero. Il materiale finito nelle mani dei militari consentirà agli inquirenti di ricostruire l’intero giro d’affari.

Potrebbe interessarti

  • Le 5 migliori piante antizanzare

  • Biscotto di anguilla, baguette di lumache: i migliori ristoranti bresciani per il Gambero Rosso

  • La ciclabile dei sogni batte ogni record: in un anno visitata da 325.000 persone

  • La dieta detox per tornare in forma e depurare l’organismo

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago da tre giorni, ritrovato sano e salvo

  • Frontale in galleria: morta la moglie di un noto industriale

  • Sfonda il parabrezza, sbalzato sull'asfalto per diversi metri: muore a soli 26 anni

  • Fa il bagno nel lago e non torna più a riva: ricerche in corso

  • Orribile tragedia sulla strada: muore con la testa schiacciata dal camion

  • Terribile incidente: schiacciato da 15 tonnellate di acciaio, muore padre di famiglia

Torna su
BresciaToday è in caricamento