235mila litri di grappa e whisky tarocchi, maxi sequestro in un'azienda bresciana

L'operazione ha portato al sequestro di 235mila litri di alcolici, messi in commercio da una ditta bresciana operante nella produzione e nella distribuzione di bevande alcoliche. Quattro le persone indagate

Copyright © Bresciatoday.it

Frode fiscale e frode in commercio: sono le accuse mosse dalla Guardia di Finanza nei confronti di un'azienda bresciana produttrice di bevande alcoliche, della quale la Procura di Brescia ha deciso di non rendere noto il nominativo. 

La complessa e articolata operazione, condotta dal Gruppo tutela finanza pubblica del Nucleo di Polizia tributaria di Brescia e dal personale dell'ufficio delle Dogane, è scattata nel dicembre del 2015, con lo scopo di scovare eventuali frodi nel pagamento delle accise sugli alcolici.

Le indagini, oltre ad accertare un'evasione delle accise di circa 730 mila euro, hanno portato alla luce anche una frode in commercio: la ditta infatti vendeva prodotti diversi da quelli dichiarati, a prezzi decisamente più bassi rispetto alla concorrenza. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Caos al supermecato: cerca di uscire senza pagare, poi picchia il vigilante

  • Incidenti stradali

    Scooter si schianta contro un’auto: grave ragazzino di 14 anni

  • Cronaca

    Nella cava dismessa un maxi-parcheggio abusivo da 400.000 metri quadrati

  • Cronaca

    Maxi frode fiscale da 16 milioni di euro: nei guai imprenditore e 8 complici

I più letti della settimana

  • Dramma durante il sonno: ragazzina muore a 14 anni per un malore

  • Ragazzo in fin di vita, il cane abbaia allo sfinimento per chiedere aiuto

  • Mille Miglia 2018: programma completo e mappa del percorso cittadino

  • Costringe un alunno alle sue 'avance' sessuali: nei guai dirigente scolastico

  • Neonato trovato abbandonato in mezzo alla strada

  • Torna a casa ubriaco, poi il litigio: lo uccide con undici coltellate al petto

Torna su
BresciaToday è in caricamento