Far west in città: dopo la maxi-rissa, incendiate due auto

Mercoledì sera la zuffa che si è conclusa con un investimento, venerdì notte il rogo doloso di due auto: nella zona verrano intensificati i controlli

Rogo in via corfù (Fonte: Facebook)

Altra notte di paura per i residenti di via Corfù: svegliati nel cuore della notte da un forte boato. Il tempo di correre alla finestra e hanno assistito al rogo che ha distrutto due auto parcheggiate. Sono stati proprio gli abitanti della zona a dare l'allarme, verso le 4 di sabato mattina: sul posto i Vigili del Fuoco e le pattuglie della Questura.

Un incendio di natura dolosa, ci sarebbero ben pochi dubbi, probabilmente legato alla maxi-rissa che è avvenuta nella notte tra mercoledì e giovedì proprio in via Corfù. Una delle macchine bruciate - si legge in una nota diffusa dalla Questura - è infatti intestata a uno dei giovani pakistani che ha partecipato alla zuffa ed è stato denunciato poco dopo.

Per la rissa - che si era conclusa con l'investimento di due persone, per fortuna senza gravi conseguenze- sono state denunciate 5 persone: tutte di origini pakistane. Quattro di loro - fa sapere la Questura - non possono essere espulsi: la loro richiesta di asilo, respinta dalla Commissione, è nella fase di pendenza del processo d'appello. Per il quinto, invece, il Questore sta valutando la revoca del permesso di soggiorno. 

Indagini in corso: dalla Questura non escludono che si possa trattare di una sorta di regolamento di conti  tra gruppi della stessa etnia, probabilmente legato allo spaccio: tutte le persone coinvolte avrebbero precedenti per droga.

Per evitare altri episodi: "d'intesa con il Sindaco di Brescia il Questore ha disposto con apposita ordinanza un'ulteriore intensificazione della vigilanza nelle zone di via Corfù parco Gallo e via Sardegna" rende noto la Questura. Non solo: " È stato accertato che alcuni partecipanti alla rissa sono usciti dal vicino bar Coccinella, già chiuso in passato dall’ufficio polizia amministrativa della Questura di Brescia. Per  questo motivo il Questore sta valutando la possibilità di revocarne la licenza"

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

  • Esce dalla villa per andare in edicola, imprenditore travolto e ucciso da una moto

Torna su
BresciaToday è in caricamento