Il Capitolium si fa bello per Expo: un restyling da un milione di euro

I lavori di riqualificazione e valorizzazione dell'area archelogica del Capitolim dovrebbero terminare entro i primi giorni di maggio. L'intervento, del valore di 1 milione e 102 euro, prevede un percorso museale che colleghi senza barriere tutta l'area archeologica.

Procedono, ed anche a passo piuttosto spedito, i lavori al Capitolium, nuovamente  oggetto di interventi di riqualificazione e valorizzazione in vista di Expo 2015. Operai e restauratori sono all'opera sotto il tiepido sole primaverile per consentire al pubblico di potere finalmente visionare gli affreschi d'età romana della quarta cella del santuario Repubblicano, un 'area scoperta una decina di anni fa durante la ristrutturazione di palazzo Pallaveri, l' edifico confinante con l'area archeologica, che ospita  la sede della Fondazione Brescia Musei.

A dirigere i lavori è l'architetto Marco Ponzoni, responsabile del settore edifici pubblici e monumentali del Comune, che assicura: “Stiamo facendo il possibile affinché il cantiere chiuda entro i primi giorni di maggio, se sarà necessario lavoreremo anche nei giorni festivi. L'inaugurazione è fissata per l' 8 maggio, in coincidenza della grande mostra archeologica sull'età romana nel nord Italia che verrà allestita in Santa Giulia.” 

Agli interventi sulla quarta cella si sommano quelli di riqualificazione dell'intero percorso museale, volti a rendere l'area un solo grande complesso archeologico privo di  barriere architettoniche.Nella delibera comunale di approvazione dei lavori è prevista, infatti,  la costruzione di un collegamento diretto tra il Capitolium e il teatro romano che sarà realizzato attraverso delle scale di ferro. “In realtà il collegamento c'è già – spiega Ponzoni – ma è stato fatto prima degli anni '50 e così com'è è obsoleto e pericoloso”. Alla cella di recente scoperta si potrà, invece, arrivare senza fare le scale. L'ascensore,  già esistente, che conduce alle altre tre celle è stato prolungato per arrivare al nuovo ipogeo che, spiega Ponzoni: “Contiene resti romani  non meno importanti di quelli delle altre celle, che si sono perfettamente conservati nei secoli, tanto da sembrare realizzati da pochi anni”.

Un altro punto sul quale si è concentrata l'attenzione è l'impiantistica che consentirà un riciclo costante dell'aria all'interno della quarta cella, che è la più grande area ipogea dipinta dell'epoca romana nel nord Italia. “Si tratta di un intervento pilota, perché è la prima volta che in Italia si installa un impianto di climatizzazione in un area ipogea”, precisa Ponzoni. Un impianto del valore di 80 mila euro. Il restyling del Capitolium si  completa con la pulizia di tutti gli esterni.

Il costo complessivo dell'operazione di riqualificazione e valorizzazione è di circa 1 milione di euro. Per consentire la visita all'area archeologica, sono più di 1000 le prenotazioni per il mese di aprile, durante i lavori è stata costruita una passerella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento