Remedello, cagnetta percossa e legata. Denunciata una donna

L'intervento delle Guardie Zoofile in terra bresciana per salvare una piccola cagnetta, maltrattata e picchiata, legata a una ringhiera e con segni evidenti di percosse: "Niente cibo né acqua, nessun riparo"

Foto © GeaPress

Un altro animale maltrattato, e questa volta in Provincia di Brescia. Le Guardie Zoofile dell’ANPANA sono intervenute a Remedello per salvare una piccola cagnetta denutrita e maltrattata, legata ad una ringhiera e con evidenti segni di percosse e maltrattamenti. Denunciata una donna del paese dopo un’anonima segnalazione.

“Niente cibo né acqua, nessun riparo – si legge sul portale GeaPress – Alla visita veterinaria sono apparsi ulteriori segni di forti traumi da percosse. Il cane, tra l’altro, urinava con evidenti tracce di sangue”. Le Guardie Ecozoofile hanno già provveduto ad istruire le pratiche per l’affido giudiziario, e la povera cagnetta ha già trovato una nuova casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Lo schianto col tir, poi l'inferno: manager d'azienda muore carbonizzato nella sua auto

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

Torna su
BresciaToday è in caricamento