Armi e minacce, 15 ostaggi rinchiusi in bagno: rapina da incubo all'Ubi Banca

Rapina da incubo all'Ubi Banca di Via Masaccio, a San Polo: 15 ostaggi, rapinatori armati e a volto coperto. Decisiva una richiesta di aiuto: sul posto uomini e mezzi della Questura

Fonte: Facebook - Brescia che NON vorrei

Rapina da incubo all'Ubi Banca di Via Masaccio, a San Polo, a poche centinaia di metri dalla Questura: almeno 15 gli ostaggi rimasti in trappola per oltre mezz'ora, tre i rapinatori (italiani, di origine meridionale) che speravano di portare a termine il colpo della vita. Tutto è finito come doveva finire: gli ostaggi liberati, i malviventi arrestati.

A dare l'allarme, per fortuna, proprio uno degli ostaggi: è riuscito a nascondere il suo cellulare, ha mandato una richiesta di aiuto. E in pochi minuti la strada è stata bloccata, la banca circondata: chi ha assistito alla scena non può non aver riconosciuto un qualche film americano. Quando la realtà supera la finzione.

I tre sono stati arrestati, le loro generalità non sono state rese note. Si tratta di tre uomini catanesi: due fratelli poco più che ventenni e un 5oenne. Uno di loro si sarebbe reso protagonista di un sopralluogo qualche giorno fa, per studiare gli ingressi e le uscite, le telecamere e la cassaforte. Un colpo da professionisti, questa volta sventato.

Potrebbe interessarti

  • Fascicolo Sanitario Elettronico: come consultare i referti online

  • Coffin Nails: le unghie a ballerina, la moda del momento

  • Le migliori gelaterie di Brescia

  • Ats Brescia: Commissione medica per le patenti di guida

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Orzinuovi, morta ragazza di 20 anni

  • Neopatentato tampona con l'auto una moto, biker muore sul colpo

  • L’auto sbanda e si schianta: giovane barista muore sul colpo

  • Trovato agonizzante e in arresto cardiaco, ragazzo gravissimo

  • Malore mentre prende il sole, è in gravi condizioni: paura al parco acquatico

  • Maltrattamenti e parolacce, bambini a digiuno: tre maestre d'asilo sotto accusa

Torna su
BresciaToday è in caricamento