Calci, pugni e minacce di morte a mamma e papà: 16enne in comunità

Diversi gli episodi di violenza: il ragazzino avrebbe più volte picchiato i genitori 'colpevoli' di averlo rimproverato per lo scarso rendimento scolastico o di non avergli ricaricato il cellulare

Non accettava i rimproveri e a ogni richiesta negata reagiva aggredendo verbalmente e fisicamente mamma e papà. Calci, pugni, minacce di morte: un'escalation di violenza terminata solo grazie all'intervento dei Carabinieri di Brescia.  

Una situazione che si protraeva ormai da parecchi mesi: i genitori, una coppia di 60enni italiani, erano ormai in balia del loro unico figlio, che li ha malmenati, costringendoli a farsi medicare in ospedale, in più occasioni. In base a quanto accertato dagli inquirenti, dal novembre 2017  i coniugi avrebbero subito, quotidianamente, pesanti ingiurie e insulti, ma pure pestaggi.  Non solo: il 16enne avrebbe più volte distrutto le porte, le finestre e i mobili dell'appartamento dove la famiglia risiede.

La prima richiesta d'aiuto lo scorso novembre: i Carabinieri sono dovuti intervenire perché il ragazzo aveva colpito la madre con un violento calcio allo sterno. Un mese più tardi i militari hanno nuovamente bussato alle porte dell'abitazione, situata nella prima periferia della città: il 16enne, da poco sorpreso a fumare, aveva dato di matto perchè i genitori non gli avevano ricaricato il cellulare. In quell'occasione li aveva colpiti con una raffica di calci e pugni.

A febbraio un nuovo episodio: richiamato e invitato a fare i compiti, ha reagito colpendo la madre con un calcio all’addome per poi spingere il padre contro un termosifone,  facendogli sbattere la testa. L'epilogo nei giorni scorsi: il 16enne ha minacciato di morte i genitori, terrorizzandoli, a seguito di una richiesta negata di denaro. Per mettere fine alla spirale di violenza il giudice del Tribunale dei Minori ha disposto il trasferimento del ragazzino in una comunità, dove seguirà un percorso rieducativo di recupero. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • Io non credo che sia sempre colpa dei genitori. Ho visto genitori assenti con figli diventati adulti esemplari e figli rincoglioniti con genitori ineccepibili. A mio parere dipende molto dal carattere con cui si nasce e dagli stimoli che al giorno d'oggi non possono essere dati solo dalla famiglia ma anche dalla società in cui si vive. Tutto questo ci faccia riflettere prima di sparare a zero su situazione che non conosciamo.

    • Avatar anonimo di Luca
      Luca

      In  questi casi non ci sono colpe. Un rapporto dinarmonico tra genitori e figli nasce e cresce a causa di un mancato allineamento tra i comportamenti dei genitori e la percezione che di esso ha il figlio, fin dall’infanzia. Se questi comportamenti non sono in linea con la percezione che di essi ha il figlio, a causa di una mancanza di sintonia comunicativa, si possono verificare gravi incomprensioni che generano ferite nei figli che a lungo termine possono sfociare in nulla, ma anche nella violenza.  Non si tratta di una colpa, ma di una mancanza di comunicazione spesso accompagnata  da totale inadeguatezza delle figure genitoriali verso la tipologia di persona che è rappresentata dal figlio.  

      • Avatar anonimo di Petra
        Petra

        Interessante ipotesi... E cosa dovrebero fare i genitori con un figlio che nonostante tutti gli approcci educativi non li rispetta, sfascia tutto e continua a frequentare "cattive compagnie"? Cosa fare per riallinearsi se proprio si seguono strade parallele? E gli esperti da cui si vorrebbe un aiuto seguono altre strade ancora? Come recuperare per vivere serenamente?

  • dario..ho figli anche io..grandi...mio nonno diceva: fonne , fiei e ca..come sa gliusa sa ga glia! ( donne figli e cani come li abitui li hai)...

    • Invece mio nonno diceva .... non c'è cosa peggiore dell'ignoranza accompagnata dalla presunzione. Tu sei la classica persona che dice "se fosse mio figlio ..... " le solite frasi fatte che non portano a nulla buona serata

      • Dario, anche accettare il diverso parere di altri sembrerebbe essere elemento di “esperienza, intelligenza, conoscenza,....”. Provaci.

      • non ti rispondo per educazione...forse l'ignoranza la stai distribuendo gratuitamente perché ne hai in avanzo..

  • ma figa robe da pazzi senza parole......mmmmmm

  • Eh giá . I metodi educativi dei miei tempi erano leggermente diversi.... Mica crescevano bimbiminkia cosí... Forse, a volte un tuffo nel passato , non sarebbe poi così male...

    • Avatar anonimo di Luca
      Luca

      I metodi educativi non c’entrano nulla con l’inadeguatezza del rapporto genitori / figli, i quali possono crescere male a seguito di ferite generate da mancanza di sintonia comportamentale e percettiva in ambito familiare, a prescindere da qualsiasi metodo usato. Inoltre solo per il fatto che le tragedie familiari vengono diffuse oggi in modo costante dai mass media, non significa che in passato non accadessero parimenti uguali.

    • Caro Alessandro,spero che lei non debba in futuro affrontare situazioni del genere, perché allora capirebbe che i genitori sono le vittime e non la causa di questi drammi che è da ricercare, quasi sempre,non nella cattiva educazione ma da altri effetti scatenanti. Il suo commento è dato certamente dall'inesperienza e dall'ignoranza in materia. Basta giudicare!!! Prima di commentare si documenti grazie. P.S. Il mio commento è dato dall'esperienza personale purtroppo e mi creda la realtà supera la fantasia

      • Egregio signor Dario buonasera , alla mia etá , mi creda ne ho viste di cotte e di crude pure io. Sicuramente non mi sto arrogando il diritto di giudicare, ma per essere breve una disciplinata educazione , accompagnata dalla PRESENZA dei genitori , sicuramente farebbe scemare una buona percentuale ri queste notizie. Riguardo l'esperienza che mi manca le do ragione, avendo solamente 3 figli che variano dai 17 ai 22 anni. Buonaserata e buona Domenica

    • solo uno sguardo e già capivo da mio padre

      • Avatar anonimo di Cekker
        Cekker

        verissimo! anche col mio :) adesso genitori troppo permissivi che si fanno venire anche i sensi di colpa, difendono a spada tratta i figli anche quando sono palesemente in torto e ne diventano succubi in breve tempo.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tre milioni di euro alla badante, ma non ci fu circonvenzione d'incapace

  • Cronaca

    Corruzione e peculato d'uso: ex sindaco nei guai

  • Cronaca

    Addio al dottor Dario Damiani, prezioso alleato di Padre Marcolini

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 24 al 26 maggio: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • Professore si suicida in palestra, il corpo trovato da due studenti

  • La disperazione per la morte di Leonardo: "Eri un ragazzo speciale"

  • Si affaccia alla finestra di casa e precipita per 12 metri: muore bimba di 9 anni

  • Al volante ubriaco dopo un matrimonio, si schianta in auto con i tre figli piccoli

  • Stroncata dalla malattia, muore madre di famiglia: il dolore di figli e marito

  • Grandine e nubifragi nel Bresciano: strade allagate, traffico nel caos

Torna su
BresciaToday è in caricamento