Installazione artistica e mercatino solidale: l'ex granaio rivive sotto Natale

Sotto il portico di Piazza Arnaldo due progetti legati dal desiderio di includere: il mercatino dell’associazione ‘i fuori onda’, che si occupa di bambini con disabilità mentali, e l'opera realizzata dallo studio sperimentale ‘o9_ architecture'. 

L'installazione artistica in piazza Arnaldo © Bresciatoday.it

La parola chiave è inclusione di persone, come di luoghi. È questo il legame e il significato delle due iniziative che stanno facendo rivivere il mercato dei Grani. Un luogo abbandonato, escluso dagli sguardi e dalla movida di Piazza Arnaldo che ora non può che attirare l’attenzione, per convogliare lo  sguardo sull’attività svolta da un gruppo di genitori di ragazzi affetti da disabilità intellettive.

 Sotto i portici spicca, per colore ed originalità, l’installazione artistica a costo e km zero, ispirata da un passaggio del romanzo “Le città invisibili” di Italo Calvino,  nel quale gli uomini costruiscono le tubature per ingraziarsi le ninfe offese. Le tubature fognarie che svettano e si intrecciano in una visone prospettica servono per farsi perdonare l’incuria e ridare vita al mercato dei Grani, scrivono gli autori dell’opera sul cartellone esplicativo appeso ad un muro. L’installazione porta la firma dello studio sperimentale o9-architecture che ha più volte collaborato con l’associazione  ‘i fuori onda’.  I tubi - forniti in comodato d’uso da Bricoman - hanno la finalità di convogliare lo sguardo sul porticato, dove i genitori dei bambini con disabilità hanno allestito un mercatino di Natale solidale, che resterà aperto fino a domenica.

Il ricavato servirà all’associazione per finanziare le tante iniziative messe in cantiere per favorire l’inclusione dei ragazzi. Una di queste è ’ La febbre del sabato sera’, un progetto che permette ai giovani con disabilità intellettiva di sentirsi parte della movida cittadina: accompagnati da studenti universitari girano per locali, si divertono e conoscono persone.

Sui grossi tavoli di legno del mercatino c’è di tutto: dai gioielli, ai centro tavola;  dagli oggetti per la casa fino ai mobili vintage. Non potevano mancare i barattoli di marmellata realizzati dai ragazzi dell’associazione durante il progetto ‘L’orlo del bosco’ che li ha visti indossare i panni degli agricoltori per coltivare più di 700 piante di frutti di bosco a Botticino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

  • Le lacrime per mamma Laura, stroncata da un tumore a soli 38 anni

  • Stroncata dalla malattia in poco tempo, mamma Michela muore a 43 anni

  • Ragazza trovata morta al parco: s'indaga per omicidio

Torna su
BresciaToday è in caricamento