giovedì, 02 ottobre 21℃

Anno 2012, addio ai Maya. Il sindaco Paroli scarica la mostra e Artematica

Dopo lo scandalo Matisse, il primo cittadino annuncia l'addio al progetto della mostra sui Maya: "Non si può più ragionare con Artemetica". Domani, intanto, scade l'ultimatum di Brescia Musei alla società di Andrea Brunello

redazione 6 settembre 2012
2

Che tutto dovesse finire nel 2012, i Maya lo avevano già ampiamente previsto.

Chissà se, nelle loro profezie, rientrava anche l'addio alla mostra che si sarebbe dovuta organizzare nella nostra città ma che, ora, dopo gli scandali delle matrici dei biglietti, e le divisioni interne alla maggioranza sul progetto, il sindaco Paroli ha cassato definitivamente.

"Non ci sono più le condizioni per ragionare con Artematica". Così il primo cittadino ha sbattuto la porta in faccia alla società trevigiana, dopo tre anni di lavoro con il Comune.

Domani, intanto, scade l'ultimatum di Brescia Musei: l’amministratore delegato di Artemetica, Andrea Brunello, dovrà presentare documenti che possano fugare i dubbi sulla presunta falsificazione del numero dei visitatori alla mostra su Matisse. Ma, l'ultima voce in capitolo, la avranno i dati SIAE e i riscontri della procura.

Annuncio promozionale

Adriano Paroli
artematica
mostra Matisse

2 Commenti

Feed
  • Avatar di mariateresa martini

    mariateresa martini circa una mostra sui Maya mi piace ricordare qunato sia stata interessante e coinvolgente quella degli Inca...si sarebbe utilizzata l'organizzazione che aveva curato gli Inca anche per i Maya???
    non vi ricordate che il battage pubblicitario cominciò molti mesi prima? e l'organizzazione sicuramente ancor prima. Come si fa a pensare oggi ad una mostra per Ottobre tanto complessa e tanto costosa? Non sono faciloni in tanti? E non ci credono più creduloni di quello che realmente siamo? by mt

    il 6 settembre del 2012
  • Avatar di mariateresa martini

    mariateresa martini Mi piacerebbe che le persone intervenute ed intervistate dicessero se la mostra li aveva convinti, infatti verrebbe comunque pagata centinaia di migliaia di euro. E mi piacerebbe sapere come stanno reagendo i prestatori delle opere. La serietà degli organizzatori garantisce non solo cittadini, non solo gli amministratori dell'oggi ma possibilità di altri prestiti domani!
    non lo pensate anche voi? mt

    il 6 settembre del 2012