Epidemia mortale al Civile: il personale del reparto non ha colpe

Depositata la consulenza della Procura in merito alla morte del piccolo Paolo, nello scorso mese di agosto. Le indagini vanno comunque avanti.

Iscritti nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio colposo, 16 tra medici ed infermieri possono tirare un sospiro di sollievo con l'arrivo dell'esito della perizia disposta dalla Procura. L'indagine in ogni caso prosegue. 

La conclusione della perizia giunge proprio nel pieno delle indagini per gli ultimi casi di cronaca, che hanno portato alla morte di quattro bambini nati prematuramente, ospitati nel reparto di Terapia intensiva neonatale. Lo studio si riferisce però all'infezione da batterio serratia marcescens che nello scorso agosto fu responsabile del decesso del piccolo Paolo. 

La perizia appena depositata in Procura di fatto scagiona il personale del reparto di Terapia intensiva neonatale del Civile da ogni responsabilità relativamente alle procedure messe in atto per contrastare il focolaio di epidemia. Tutt'altro discorso riguarda a come il batterio - particolarmente difficile da debellare, e molto resistente agli antibiotici - sia arrivato nel reparto: le indagini andranno avanti, anche perché i genitori del piccolo Paolo si sono rivolti a un legame per accertare eventuali responsabilità dell'ospedale. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • a un legale o a un legame?

Notizie di oggi

  • Attualità

    Nuova vita per il parco Gavia: addio al Pcb, a maggio la riapertura

  • Attualità

    Tentata strage di bambini: a Brescia abusi sessuali su una ragazzina

  • Cronaca

    "Ha ucciso l'ex moglie per gelosia", ma del cadavere ancora nessuna traccia

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 22 al 24 marzo: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • Tragedia in casa: ragazza non risponde ai familiari, i pompieri la trovano morta

  • Incidente a Calvagese della Riviera: morti Marco Cioccarelli e Alessandro Giuliani

  • Marco e Alessandro, tra sogni e ricordi: due giovani vite spezzate troppo presto

  • L'auto distrutta in un groviglio di lamiere: lesioni cerebrali per il ragazzo alla guida

  • Blocca una bambina in strada e le mostra il pene: condannato operaio bresciano

  • Ambra senza filtri sull'ex: "Renga? Complicato vivere vicini, ma sa farmi ridere"

Torna su
BresciaToday è in caricamento