«La mano nera è razzista»: la polemica viaggia sull'autobus

La giunta Paroli accusata di razzismo per la nuova campagna contro i passeggeri che non pagano il biglietto dell'autobus

Dopo il bonus bebé negato dall’Amministrazione comunale ai figli dei migranti, per cui il Sindaco Paroli è stato più volte condannato in Tribunale, ecco da qualche giorno una grande e minacciosa mano nera circolare sui bus che attraversano la città.

Per perseguire gli “scrocconi” che non pagano i biglietti sui bus, si è messa in scena una campagna accusata di razzismo un po' da tutta Italia: per l’Amministrazione Paroli, sembra che chi non paga il biglietto abbia un colore specifico, abbia la mano nera.


- «Mano nera» anti-portoghesi, Rolfi: «Polemica ignobile e nauseante»

Ecco l’ennesimo caso di discriminazione contro gli immigrati - attacca SEL per voce di Titti Di Salvo e Luigi Lacquaniti -. Un’iniziativa che è poco definire odiosa e incivile. Noi lo ripeteremo ogni giorno, in ogni occasione: il Comune di Brescia ci ripensi. Via quei cartelli!”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento