Sesso con 11enne: il regista Giuseppe Lazzari patteggia pena di due anni

Presso il Tribunale di Ravenna, dove sarebbe avvenuto uno dei tre episodi contestati, il registra bresciano ha patteggiato una pena di due anni

Tribunale di Ravenna

Atti sessuali con un ragazzino di 11 anni: la vicenda giudiziaria del regista bresciano Giuseppe Lazzari, partita meno di un anno fa, nell’agosto 2016, è giunta al termine presso il Tribunale di Ravenna con un patteggiamento a due anni di pena, sospesa.

Il processo è avvenuto nella città romagnola in quanto lì si sarebbe consumato uno dei tre abusi per i quali il regista è stato processato, nello specifico in una camera d’albergo matrimoniale dove dormivano il regista e l’aspirante attore undicenne. Stando alle parole del legale di Lazzari, Massimiliano Battagliola, riportate dal quotidiano Bresciaoggi, la scelta del patteggiamento rispecchia la «precisa e unica volontà di definire in tempi rapidi, le contestazioni di addebito, evitando insopportabili e gravissime ulteriori tensioni emotive e prolungate strumentalizzazioni mediatiche che coinvolgono ed hanno coinvolto soggetti estranei alla vicenda». 

Gli altri due incontri tra il regista e l’undicenne sarebbero avvenuti invece nello studio di Lazzari in via Trento, lo stesso studio che a dicembre fu sventrato da una violenta esplosione di origine dolosa. Per Giuseppe Lazzari la scelta del patteggiamento che mette fine al processo è stata dettata dalla «necessità di chiudere al più presto, per ragioni personali e familiari, una vicenda processuale e mediatica particolarmente gravosa».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Dove l'aria è irrespirabile: Brescia è la città più inquinata d'Italia

  • Attualità

    In paese nuove telecamere per leggere le targhe: investimento da 80mila euro

  • Attualità

    "Sembra tutto così irreale, la nostra bimba ancora non sa che la mamma è morta"

  • Cronaca

    Listeria nell'insalata "Capricciosa", tre lotti contaminati ritirati dal mercato

I più letti della settimana

  • Cadavere carbonizzato: ad uccidere Stefania è stata la rivale in amore

  • "Hai fatto sesso con la mia fidanzata": pistola in pugno, rapisce un operaio e lo porta nei boschi

  • "Ti amo" e una rosa rossa: così ha attirato Stefania nella trappola mortale

  • Massacrata con 4 martellate, bruciata con la benzina: "La festa è andata bene"

  • Timbra il cartellino, ma intanto se la spassa al ristorante: licenziata in tronco

  • Relazione con Giancarlo Magalli? Giada smentisce tutto: "Solo amicizia"

Torna su
BresciaToday è in caricamento