Il dramma di Filippo, ucciso da un tumore a soli 13 anni: “Per sempre nei nostri cuori"

Il villaggio Badia piange la scomparsa di Filippo Piazza, ucciso a soli 13 anni da una grave malattia.

Una comunità intera piange la scomparsa di un ragazzino, strappato alla vita troppo presto da un male incurabile: Filippo Piazza, 13enne di casa al Villaggio Badia, a Brescia, è deceduto nei giorni scorsi, stroncato da un terribile tumore contro cui ha combattuto con tenacia e determinazione.

“Un bravissimo ragazzo, solare e pieno di vita che frequentava l’oratorio e amava tantissimo giocare a calcio: ha lottato come un leone per sconfiggere la malattia” ricorda il curato della parrocchia Madonna del Rosario, Don Fausto Mussinelli, che è rimasto sempre fianco del ragazzino e della sua famiglia.

La terribile diagnosi un anno fa, poi le cure che Filippo ha affrontato con tanto coraggio e determinazione, senza arrendersi o perdere il sorriso.
A nulla è valsa la battaglia contro quel brutto male, che purtroppo non gli ha lasciato scampo. "Abbiamo pregato tanto per lui - racconta Don Gian Pietro Girelli il parroco del Villaggio Badia- resterà sempre nei nostri cuori."

Oltre ai tanti amici dell'oratorio e delle scuole medie Kennedy, che frequentava, lascia nel dolore la mamma Elena, il papà Simone, i nonni Sergio, Anna, Marisa ed Enrico. Centinaia di persone sono attese per l'ultimo saluto, che si terrà alle 10.30 di lunedì nella chiesa parrocchiale del Villaggio Badia. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento