Positivo alla cocaina, uccide donna sulle strisce: scarcerato dopo due giorni

Il Giudice per le inchieste preliminari ha deciso per la scarcerazione stabilendo che non sussistano particolari esigenze cautelari

Gravi indizi di colpevolezza, ma al contempo nessuna particolare esigenza cautelare. Queste le motivazioni con le quali il Giudice per le inchieste preliminari ha deciso per la scarcerazione del 42enne che nella mattina di giovedì ha investito e ucciso Nadia Zangarini mentre attraversava via Lamarmora a Brescia. 

Nell'interrogatorio di ieri presso il Palagiustizia, il giudice ha accolto la richiesta di scarcerazione avanzata dal legale del barista. L'uomo, trovato positivo alla cocaina, è sempre stato collaborativo e lucido, fin dal primo momento dopo l'incidente. Stando alle sue dichiarazioni, l'assunzione di cocaina non sarebbe avvenuta la mattina dell'incidente, ma nei giorni precedenti, da ciò deriverebbe l'esito positivo dei test

Tutta da chiarire anche la dinamica dell'incidente, così come la velocità dell'Opel corsa dell'investitore al momento dell'impatto. L'uomo ha sempre dichiarato di aver trovato all'improvviso la donna davanti a sé. 

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Pannelli fotovoltaici a Brescia: come funzionano e quali sono i vantaggi

  • Alla scoperta del Sentiero delle Grotte, gioiello nascosto del Lago d'Iseo

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Ragazzo di 16 anni gravissimo dopo un tuffo: trauma spinale, rischia la paralisi

  • Bambina bresciana sparisce in spiaggia, incubo per mamma e papà

  • Malore al volante, scende dall'auto e muore: addio a Mauro Cirimbelli

  • Lui è in gravi condizioni, rischia di morire: marito e moglie sposi in ospedale

  • Le grida disperate dopo l'incidente: la gamba schiacciata sotto 300 chili

Torna su
BresciaToday è in caricamento