Barista dal cuore d'oro: l'invenduto a disposizione dei poveri

Bella iniziativa di una barista, che dopo alcuni tentativi infruttuosi di aiutare i più bisognosi si è inventata un metodo efficace.

Fotografia da Facebook, Caffetteria Zerotrenta

La generosità premia sempre. La "Caffetteria Zerotrenta" di via XXV Aprile in città negli ultimi giorni è finita sulle bacheche social di molti bresciani che hanno con piacere condiviso il gesto di solidarietà della titolare, Cristina Georgiana Vlad. Pubblicità più che meritata, visto il gesto di generosità della donna, originaria della Romania. 

Da alcuni giorni alla chiusura della caffetteria Cristina Georgiana posiziona all'esterno del locale dei sacchetti contenenti brioches, panini o frutta invenduti ed inutilizzabili il giorno successivo. Anziché buttarli, o regalarli agli ultimi clienti della giornata, la donna li mette a disposizione "di chi ha fame". L'idea è stata presa da un bar in Romania, ed è funzionale allo slancio di generosità di Cristina Georgiana che nelle scorse settimane si è scontrato con alcuni problemi, raccontati dalla stessa barista nel post su Facebook dove spiega l'iniziativa: "Dopo vari tentativi di andare alla stazione o in posti poco sicuri a cercare le persone che hanno bisogno, ho deciso di offrire i prodotti freschi che mi rimangono della giornata al di fuori della Caffetteria Zerotrenta in via Xxv Aprile 58, Brescia, dopo l'orario di chiusura, ci sono frutta, brioche e panini. Prendete quello di cui avete bisogno senza sprecare e senza far casino attorno. Buon appetito!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • E' morto Menec: la sua storica trattoria meta di celebrità e calciatori

  • Dona 6,6 milioni di euro: il gesto d'amore per il nuovo polo oncologico

  • Coronavirus in Lombardia: 100 persone a rischio, 70 vanno in quarantena

Torna su
BresciaToday è in caricamento