Bestie di Satana, Ballarin chiede la grazia: "Ha cancellato il passato"

La 23enne ha scritto una lettera al Presidente della Repubblica

E' stata Elisabetta Ballarin a scrivere e a inviare un mese e mezzo fa la richiesta di grazia al Presidente della Repubblica perché "ha capito i suoi sbagli, si vuole rifare una vita e cancellare quel periodo che appartiene a un passato che non riconosce più".

Lo ha spiegato l'avvocato Francesca Cramis, il difensore della giovane condannata definitivamente a 23 anni di carcere per il concorso nell'omicidio di Mariangela Pezzotta, una delle 'vittime' delle Bestie di Satana. La richiesta al Capo dello Stato è stata sottoscritta anche dal sindaco di Brescia, Adriano Paroli e dall'Associazione carcere e territorio alla Presidenza della Repubblica. E non solo.

Bestie di Satana: borsa di studio del Comune
per Elisabetta Ballarin

Come ha riferito il legale parecchi sono i pareri favorevoli che la ragazza ha allegato al plico inoltrato al Quirinale: si va dalle persone che l'hanno incontrata nel carcere di Verziano dove sta scontando la pena e da dove può uscire solo per motivi di studio, a quelli dei docenti dell' Accademia Santa Giulia, dove ha frequentato il triennio per la laurea di primo livello (110 e lode), e ora il biennio specialistico in Grafica e comunicazione.

Inoltre, lo scorso gennaio, ha ricevuto, insieme a due compagne, una borsa di studio legata ad un progetto per la creazione di nuovi percorsi didattici nel museo Santa Giulia. "C'e stata molta gente - ha proseguito il legale - che in questi anni ha imparato ad apprezzarla ed ha speso, quindi, una buona parola per lei".

"Comunque - ha aggiunto il difensore - sono sbalordita che la notizia della richiesta, che doveva rimanere riservata, sia uscita. Il motivo? Non volevamo che il Capo dello Stato potesse subire in qualche modo pressioni dalla stampa in quanto siamo convinti che Elisabetta sia stata condannata a una pena così alta anche perché il suo processo è stato in gran parte mediatico".

Sulla vicenda ha parlato anche il sindaco Paroli. "Quello che ha fatto non si cancella – ha dichiarato il primo cittadino - ma era un'adolescente, in una compagnia sbagliata. Anche se ciò non la giustifica, credo sia uno di quei casi in cui l'approccio di recupero funziona". "Credo che a chi sbaglia così giovane – ha dichiarato ancora Paroli - vada data un'altra possibilità. Anche se le colpe restano".

Potrebbe interessarti

  • Come coltivare i pomodori nell’orto

  • Le 5 migliori piante antizanzare

  • Viaggio al centro della Terra nelle miniere della Valtrompia

  • Bagno al lago dopo i pasti: ma c’è davvero da aspettare 3 ore?

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago da tre giorni, ritrovato sano e salvo

  • Travolta da un'auto in pieno centro: Jennifer si è spenta in ospedale

  • Frontale in galleria: morta la moglie di un noto industriale

  • Commerciante e padre di famiglia, muore il giorno del suo compleanno

  • Fa il bagno nel lago e non torna più a riva: ricerche in corso

  • Morte di Jennifer, la donna che l’ha investita accusata di omicidio stradale

Torna su
BresciaToday è in caricamento