Caffè, brioche e cocaina: chiuso il bar Sport di via Milano

Serrande abbassate per 30 giorni: lo ha deciso il Questore di Brescia dopo i controlli effettuati dal 2018

La Polizia mette i sigilli al bar Sport

Più che un bar era diventato una centrale dello spaccio. Si è presentato così, agli occhi dei molti agenti di Polizia che in questi anni hanno effettuato controlli e accertamenti, il Bar Sport di via Milano, a Brescia.

Il locale era sotto la lente d'ingrandimento della polizia Locale e del personale della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura da oltre un anno e, nella mattinata di giovedì, è scattato il provvedimento cautelare della sospensione dell'esercizio.

Centrale dello spaccio

Così ha deciso il Questore di Brescia che non ha fatto altro che applicare l'articolo 100 del Tulps. Le serrande del bar, gestito da un cittadino cinese dal 2015, resteranno chiuse per i prossimi 30 giorni.

"Gli accertamenti effettuati - si legge in una nota diffusa dalla Questura di Brescia - consentivano di accertare una fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti (hashish e cocaina) ad opera di cittadini di nazionalità senegalese che avevano eletto la struttura ricettiva a centrale operativa del traffico illecito, in quella zona della città".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale: un morto, un ferito grave e 8 chilometri di coda

  • Musicista bresciano accoltellato fuori da un locale

  • Pontevico, apre nuovo supermercato ALDI: tutte le informazioni

  • Si schianta in moto, ragazzo finisce sotto un camion: è gravissimo

  • Corpo riverso sul tavolino, ragazzo bresciano trovato morto in casa

  • La fame di supermercati non si placa: nuovo punto vendita in arrivo

Torna su
BresciaToday è in caricamento