Bimba morta di meningite, inchiesta della Regione sui medici del Civile

La Regione annuncia l'apertura di una commissione di valutazione "per verificare che i medici abbiano messo in atto tutte le procedure e le azioni necessaria". Al Civile è morta una bimba di 5 anni

“Regione Lombardia è vicina al dolore che ha colpito la mamma e tutta la famiglia della bambina di 5 anni deceduta agli Spedali Civili di Brescia. Ci siamo già attivati con una commissione di valutazione per verificare che i medici abbiano messo in atto tutte le procedure e le azioni necessarie al fine di diagnosticare la malattia”.

Questo quanto dichiarato in una nota da Giulio Gallera, assessore regionale al Welfare, a poche ore dalla notizia che ha scosso il Bresciano: la morte di una bimba di soli 5 anni, originaria del Pakistan ma nata e cresciuta a Inzino, Gardone Valtrompia, uccisa da una meningite causata da pneumococco.

Una meningite non contagiosa, e per cui non è necessaria la profilassi antibiotica. La notizia della commissione regionale per verificare le procedure segue quella secondo cui la bimba fosse già stata ricoverata, curata e poi dimessa. Prima di un improvviso peggioramento, che nella notte di mercoledì non le ha lasciato scampo.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento