Massacrato di botte per i soldi e il cellulare: l'aggressore ha solo 15 anni

Arrestato dai carabinieri e condotto in comunità il 15enne che il 5 maggio scorso aveva picchiato a sangue un coetaneo al parco Oriana Fallaci

Foto d’archivio

Ci sono volute poche settimane per rintracciarlo e adesso anche arrestarlo: a soli 15 anni può già essere considerato un individuo violento, tanto da picchiare a sangue un coetaneo per farsi consegnare soldi e smartphone, e lasciarlo poi a terra agonizzante. Sperava di farla franca, non è andata così.

I carabinieri della stazione di Tebaldo Brusato lunedì pomeriggio hanno dato esecuzione all'ordinanza di misura cautelare della custodia in comunità emessa dal Gip nei confronti di un ragazzino bresciano, di 15 anni, responsabile di una rapina aggravata ai danni di un 14enne, il 5 maggio scorso in Corso Magenta, nel parco intitolato a Oriana Fallaci.

Le indagini e gli accertamenti dei militari, insieme alla Procura dei Minori, hanno permesso di ricostruire nel dettaglio cosa era successo quel pomeriggio, raccogliendo anche “importanti e decisivi” elementi probatori con cui è stato possibile poi procedere all'arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Terribile schianto sulla Statale: Paolo non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento