Picchiato e derubato in strada, ma è troppo ubriaco per ricordarsi il suo nome

L'ennesimo episodio di violenza sabato notte nei pressi di via Milano . Il racconto del 35enne aggredito è al vaglio del nucleo operativo radiomobile dei Carabinieri di Brescia

Immagine di repertorio

BRESCIA. “Mi hanno aggredito, picchiato e rubato il cellulare”: è stata questa sintetica richiesta d’aiuto a far piombare i militari del nucleo operativo radiomobile, coordinati da Giulio Pisani, in via Milano, nella notte tra sabato e domenica. 

Giunti sul posto, i carabinieri hanno però dovuto fare i conti con lo stato confusionale della vittima: un 35enne di origine marocchina, che sarebbe stato talmente ubriaco da non ricordarsi nemmeno il suo nome. Il giovane ha riferito ai militari di essere stato preso a pugni da alcuni connazionali  e rapinato del telefono cellulare.

Sul suo volto erano visibili le tracce dell’aggressione, escoriazioni e contusioni che sono state medicate dal personale di un'ambulanza.  Il giovane ha sporto denuncia per rapina, mentre i Carabinieri stanno proseguendo le indagini, avvalendosi anche delle registrazioni delle telecamere, per fare luce sull’ennesima (presunta) aggressione avvenuta in via Milano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'ha massacrata a mani nude, poi è andato al bar": il killer è appena diventato papà

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • La tragica fine di Francesca: picchiata e strangolata al parco pubblico

  • Strangolata al parco: fermato ragazzo di 29 anni, è accusato di omicidio

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

Torna su
BresciaToday è in caricamento