Si accascia a terra in casa, giovane mamma uccisa da un improvviso malore

Dramma tre le mura di casa a Breno. Lunedì sera, la 43enne Lucia Pelamatti è deceduta a causa di un improvviso malore. La giovane mamma si è accasciata a terra e ha perso i sensi: nonostante l'intervento del 118 e la disperata corsa in ospedale, per lei non c'è stato niente da fare.

Lucia era molto conosciuta in paese. Mamma della piccola Gaia, lavorava alla Rsa Celeri ed era impegnata nel volontariato insieme al marito Massimo Taboni, vigili del fuoco, ed era sorella di Sabrina, assessore nell'ex giunta guidata da Sandro Farisoglio. Lascia nel dolore anche i genitori Giusi e Renato. Alle 17.30 di oggi, mercoledì 11 settembre, in duomo verrà celebrato il funerale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento