Uccisero un cane a bastonate, assolti padre e figlio

I fatti risalgono al 2014: i due avevano ucciso il cane da pastore meticcio usando un bastone. Le foto che documentavano l'episodio hanno fatto il giro del web.

Assolti con formula piena perchè 'il fatto non sussiste'. Così si è chiuso il processo d'appello nei confronti dei due uomini, padre e figlio, accusati di aver barbaramente massacrato un cane da pastore meticcio.  Per loro l'accusa aveva chiesto 4 mesi, ma il giudice ha ritenuto credibile la tesi dei due uomini, che hanno sempre sostenuto di aver agito per necessità: avrebbero colpito l'animale con un bastone temendo che potesse fare del male, dato che aveva appena aggredito un minore. 

L'intera sequenza, andata in scena in Bazena, era stata documentata da un turista di passaggio e le foto avevano ovviamente fatto il giro del web, scatenando un vespaio di polemiche e le reazioni di diverse associazioni animaliste, due delle quali avevano chiesto, e ottenuto, il processo d'appello, dopo l'assoluzione dei due in primo grado.

Per il giudice però non ci fu crudeltà: il cane sarebbe morto dopo la prima bastonata, inferta - secondo la tesi difensiva, accolta in pieno - per evitare che il meticcio facesse del male ad altre persone di passaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento