Imprenditore scomparso: chi ha spostato le telecamere? E arriva la Finanza

Di lui non si hanno notizie dall'ottobre del 2015, i suoi nipoti sono ancora indagati (insieme a due operai) per concorso in omicidio e occultamento di cadavere. Continua l'odissea della scomparsa di Mario Bozzoli

Carabinieri nella fonderia di Marcheno © Bresciatoday.it

Imprenditore scomparso, forse una svolta nelle indagini? Poche ore fa il blitz di Carabinieri e Guardia di Finanza nelle ormai ex Fonderie Bozzoli di Marcheno e alla Ifib srl di Bedizzole, la fonderia “gemella” di proprietà (un terzo a testa) di Adelio Bozzoli e dei figli Alex e Giacomo. Una vicenda che tiene banco ormai da oltre due anni: Mario Bozzoli risulta scomparso dall'ottobre del 2015, e di lui ad oggi non è mai stata trovata una traccia.

Si è cercato a lungo, nelle Fonderie di famiglia: adesso la pista potrebbe essere un'altra. Intanto una scoperta non da poco: è stato verificato proprio nelle ultime ore che le telecamere di videosorveglianza dell'azienda di Marcheno era state tutte “disorientate” poco tempo prima la scomparsa di Bozzoli.

Chi le ha progettate, e le ha poi montate e rese effettivamente operative, ha negato di averci messo mano successivamente, di averle spostate in quel modo. E allora è inevitabile che un nuovo (e importante) interrogativo venga inserito nel già lungo elenco delle domande senza risposta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento