Botte e minacce, marito violento accerchiato e arrestato dal benzinaio

Stalking e violenza, un'altra brutta storia: in manette il marito manesco, che non poteva più avvicinarsi alla donna ma che invece continuava a molestarla

Foto d'archivio

Un'altra brutta storia di stalking e violenza: un marito manesco, la moglie che trova il coraggio di denunciare, lui che non rispetta le disposizioni del giudice e continua a seguirla, infine il blitz e l'arresto da parte dei carabinieri. L'incubo è finito: è stato arrestato a Borgosatollo il 47enne di Montirone (di origini albanesi) che nelle ultime settimane perseguitava l'ex moglie, anche lei albanese e di qualche anno più giovane.

Giù il sipario, per fortuna: l'uomo è stato intercettato all'altezza del benzinaio di Via Brescia a Borgosatollo. Solo poco prima era stato visto dall'ex moglie, che la tallonava: è stata lei ad allertare il 112, e in pochi minuti sono arrivati i carabinieri.

Con due pattuglie è stato accerchiato, non aveva più possibilità di allontanarsi in auto: ha deciso allora di provare a scappare a piedi, ma è stato rapidamente intercettato, prima dell'ultimo e maldestro tentativo, cercare di colpire i militari con pugni e gomitate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Arrivano una Smart e una Fiat 500, poi lo scambio di droga: arrestato cantante

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Morto l'imprenditore Renato Martinelli: ucciso in tre mesi dalla malattia

  • Violenta scossa in azienda, folgorato operaio: portato con ustioni al Civile

  • In arrivo due nuovi autovelox: limite abbassato dai 90 ai 70 chilometri orari

Torna su
BresciaToday è in caricamento