Pistola in faccia per la rapina: "Apri la cassaforte o ti ammazzo"

Pomeriggio da incubo alla gioielleria Olivari di Bagnolo Mella: rapina in corso nel tardo pomeriggio, i malviventi puntano la pistola in faccia al titolare a alla sua commessa. Furto da migliaia di euro

In pochi attimi l'incubo diventa realtà: pistola puntata alla faccia, mani legate dietro la schiena, minacce di morte. Un pomeriggio da dimenticare alla gioielleria Olivari di Bagnolo Mella, in Via XXV Aprile: il titolare, Silvano Olivari, e la sua fedele commessa di 57 anni si sono trovati faccia a faccia con i rapinatori, mercoledì pomeriggio intorno alle 18.

Prima entra una coppia, uomo e donna, che chiedono di poter vedere una collanina d'oro: è un regalo per San Valentino, raccontano. Poco più tardi entra una terza persona: l'uomo stavolta chiede di poter vedere un orologio. Neanche il passare di un minuto che la rapina si concretizza: pistole in pugno, “apri la cassaforte o ti ammazzo”.

Fosse vera o finta quella pistola ancora non si sa. Ma di fronte alle minacce, e alle mani rapidamente legate alla schiena con delle fascette, le due vittime dietro al bancone non hanno potuto fare altro che obbedire. Succede tutto in pochi attimi: i rapinatori scappano non appena si accorgono di un passante, a poca distanza in esterno c'è un quarto complice che li aspetta, a bordo di una Fiat Panda.

I quattro scappano nel buio, indagano i Carabinieri: di loro nessuna traccia. Silvano Olivari e la sua dipendente sono rimasti sotto shock, vengono accompagnati in ospedale per riprendersi dal grande spavento. Il bottino è ancora da quantificare: sicuramente sono spariti gioielli e preziosi per diverse migliaia di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • Il tragico destino di Sara, stroncata dalla malattia a soli 27 anni

  • Brutalmente ammazzata dal marito, niente sepoltura: "Lui non lo permette"

Torna su
BresciaToday è in caricamento