La corsa di Azzano Mella verso una raccolta differenziata «globale»

Obiettivo il 65% di riciclata, entro la fine dell'anno: cittadini e amministrazione al lavoro da poco più di una settimana. Il porta a porta potenziato e un nuovo kit distribuito ai residenti, oltre a nuove regole per le aziende

La corsa alla sostenibilità ambientale e perché no anche al risparmio quello vero, quello economico, e da una settimana e poco più ad Azzano Mella vige il nuovo progetto di raccolta differenziata globale, una sfida civica di cui si parla da tempo e che in realtà si pone tra la virtù e la necessita, perché la normativa attuale prevede il raggiungimento del 65% di raccolta differenziata entro la fine dell’anno, e i dati del 2011 invece hanno fatto registrare una media che non va oltre il 41%. “Abbiamo apportato diverse migliorie al sistema precedente – ci racconta proprio il sindaco, Silvano Baronchelli – La raccolta porta a porta mantiene le stesse caratteristiche degli ultimi anni, con la differenza che ora ci sono cadenze anche bisettimanali e trisettimanali, oltre ai kit per la raccolta dell’umido conferiti ai cittadini, per la differenziata e per l’indifferenziata, rifiuti raccolti solo attraverso contenitori ‘marchiati’ dal Comune, così da avere un controllo sistematico della situazione”.

Aumentare i riciclati è infatti sinonimo di risparmio, ambientale ed economico: visti i tempi non certo un’emergenza, ma quasi. “Non credo sia facile raggiungere il limite del 65% entro la fine dell’anno, ma credo che la valutazione vada fatta su quelli che saranno gli ultimi mesi del 2012. Ma la nostra è una vera e propria campagna, di richiesta e di appello ai cittadini affinché partecipino attivamente al potenziamento della differenziata. Uno sforzo concreto che richiama al senso civico, al ruolo attivo delle persone”.

Il nuovo kit ‘da rifiuto’ prevede anche un sacchetto da tenere in casa, ritirato poi una volta alla settimana, oltre a sacchetti appositi per il recupero dei pannolini. E non finisce qui: “Abbiamo mantenuto i 4 Green Box per la raccolta del verde, un servizio aggiuntivo che è stato molto apprezzato. E non dimentichiamoci che il compost lo ricaviamo anche dall’umido stesso. Abbiamo poi potenziato l’isola ecologica con altri contenitori, stiamo lavorando per un maggior controllo su aziende, ditte e imprese, per fare in modo che entro la fine dell’anno siano tutte rispettose delle norme”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un po’ di reticenze ma ora “niente più sacchetti sparsi in giro ma tutti disposti in maniera ordinata”. Presto si potranno misurare anche i primi risultati, le prime quantità conferite. Al bando i rifiuti urbani residui! Lunedì e venerdì viene ritirato l’umido, lunedì il vetro e le lattine, il venerdì la carta e la plastica, l’indifferenziato il mercoledì, i pannolini tre volte a settimana. “Tutto ottimizzato, e gestito in economia – conclude Baronchelli – grazie anche all’ottimo lavoro della Commissione tecnica e consultiva che ha predisposto il nuovo sistema di recupero e raccolta. Un bel gruppo di lavoro, guidato dall’assessore e agronomo Giancarlo Migliorati, che sono certo ci regalerà tante soddisfazioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane papà stroncato dal Coronavirus: Alessandro aveva solo 48 anni

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Economia bresciana in lutto: nello stesso giorno muoiono due imprenditori

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Coronavirus, nel Bresciano 274 contagi e 69 decessi nelle ultime 24 ore

  • "Hai combattuto da eroe": addio a Marco, morto a soli 43 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento