Beccato con la droga, prende a calci e pugni i poliziotti: arrestato

Volto noto alle forze dell'ordine, aveva già scontato una pena di 1 anno in carcere. Adesso è stato di nuovo arrestato per resistenza e lesioni

Foto di repertorio

Beccato con la droga, aggredisce i poliziotti e viene arrestato: l'episodio solo pochi giorni fa tra il Parco Gallo e il Parco del Pescheto. Solo poche ore fa il suo arresto è stato convalidato. Il protagonista è un 21enne di nazionalità gambiana che ha già passato un anno in carcere, per via di una rapina. Tornato in libertà, era già stato denunciato per motivi di droga.

La stessa sorte che gli sarebbe dovuta toccare durante l'ultimo controllo da parte degli agenti della Polizia di Stato. Gli uomini della Questura di Brescia gli hanno trovato addosso alcune dosi di marijuana, probabilmente pronte per essere vendute.

Raptus di follia: calci e pugni agli agenti

Anziché ammettere le sue colpe, e accettare l'inevitabile denuncia (che comunque gli avrebbe evitato le manette), il 21enne si è scagliato contro gli agenti, mandando un poliziotto in ospedale a calci e pugni (niente di grave, per fortuna: medicato al pronto soccorso con una prognosi di cinque giorni).

Un raptus che gli costerà caro: è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. L'arresto è stato convalidato e il giovane processato per direttissima. In attesa della sentenza definitiva, una volta scontata la sua pena non potrà più risiedere a Brescia. In passato il 21enne aveva fatto richiesta di asilo: ovviamente respinta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento